/ Economia

Economia | 15 novembre 2018, 08:47

Lavoro, Cgil Liguria: aumenta la disoccupazione, ma anche l'export

Gli occupati sono calati passando da 624 mila a 603 mila; è aumentato il tasso di disoccupazione (9,5 contro il 6,6) e il crollo del ponte Morandi ha amplificato e ingigantito tutti gli elementi di debolezza strutturale del nostro sistema produttivo

Lavoro, Cgil Liguria: aumenta la disoccupazione, ma anche l'export

Calo demografico, invecchiamento e impoverimento dei cittadini, crisi occupazionale, finanziaria, bancaria e produttiva; gli ultimi otto anni hanno segnato profondamente assetti, strutture e tenuta economica della Liguria” così Marco De Silva responsabile dell'Ufficio Economico Cgil Liguria commenta il report che offre una fotografia socio economica completa della nostra regione a partire dal 2010, anno in cui si è sviluppata, anche in Liguria, la Grande Recessione economica che aveva investito il Paese già a partire dal 2008.

Il report, elaborato su dati Istat, Unioncamere e Bes (Istat) è stato consegnato ieri pomeriggio ai 300 delegati presenti al XII Congresso Cgil Liguria. Accanto agli indicatori in rosso, il report segnala anche importanti segnali di sviluppo, di tenuta e di possibile rilancio quali l’export, l’innovazione tecnologica legata ad una nuova stagione di produzione industriale, il turismo e la cultura, i servizi avanzati; ma come evidenzia ancora De Silva “Gli investimenti produttivi e gli impieghi sono ancora insufficienti e il decisore politico spesso è incapace di progettare, programmare ed indirizzare misure efficaci e in tempi brevi. In otto anni i depositi sono cresciuti di quasi il 60% segno di un’imponente massa di risorse bloccate nella rendita e stornate da ben più fecondi utilizzi per la collettività”.

Alcuni dati del Report: in Liguria tra il 2010 e il 2017 abbiamo perso 59.807 residenti passando da 1.616.788 a 1.556.981, tendenza negativa che nemmeno i 138.324 stranieri censiti l’anno scorso sono riusciti ad evitare. Anche gli occupati sono calati passando da 624 mila a 603 mila; è aumentato il tasso di disoccupazione (9,5 contro il 6,6) ed è sceso il numero delle imprese industriali e artigiane da 142.830 a 136.670 ed è aumentato il numero dei fallimenti da 200 nel 2010 a 226 nel 2017.

Tra i dati positivi l’export, con un aumento del 36,1 per cento (7.955 milioni di euro del 2017 contro i 5.845 del 2010), il turismo con un aumento di presenze del 12,7 per cento (anche se cala la permanenza media da 3,7 giorni a 3,2), il valore aggiunto del manifatturiero che cresce ad un ritmo doppio rispetto a quello medio regionale (+19,9% contro +9,3%) ed il dimezzamento delle ore autorizzate per integrazioni salariali (CIG).

Federico Vesigna, Segretario Generale Cgil Liguria così commenta i dati “Nei primi 6 mesi di quest'anno la Liguria aveva agganciato la ripresa; si è trattato però di una ripresa fragile tanto che l'occupazione è tornata a crescere ma è tutta occupazione precaria. In questo contesto il crollo del ponte Morandi ha amplificato e ingigantito tutti gli elementi di debolezza strutturale del nostro sistema produttivo; per questo la priorità non può che essere quella di ricostruire il Ponte Morandi nel più breve tempo possibile e realizzare quelle opere fondamentali per il futuro della regione. Senza Terzo Valico e Pontremolese, il sistema dei porti liguri rischia di non cogliere le opportunità della nuova via della seta”.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium