/ Cronaca

Cronaca | 02 ottobre 2019, 16:36

Scooter elettrico rubato recuperato dalla polizia municipale in pazza Sant'Elena

Il mezzo è stato rinvenuto dietro a dei cassonetti, occultato da un imballaggio: il responsabile del furto è stato identificato grazie all'uso delle telecamere di sicurezza

Scooter elettrico rubato recuperato dalla polizia municipale in pazza Sant'Elena

Genova - A seguito di una telefonata, giunta al centralino della Polizia Locale il pomeriggio del 17 settembre, che segnalava uno scooter impacchettato in piazza Sant'Elena, un agente del reparto giudiziaria è stato inviato sul posto, dove ha constatato effettivamente la presenza, dietro alcuni contenitori dei rifiuti, di uno scooter fasciato in alcuni teli, come se fosse imballato e pronto per una spedizione. Controllando sotto i teli l'agente ha scoperto uno scooter elettrico, attualmente di proprietà di una ditta di sharing, che gestisce gli scooter con una app che consente di decidere il punto di prelievo e di deposito del veicolo. Dallo scooter erano state staccate tutte le etichette facenti capo alla ditta proprietaria e, sulla targa autentica, ne era stata apposta una seconda contraffatta.

L'agente è però riuscito a decifrare il nome della azienda proprietaria del mezzo e, dopo averla contattata telefonicamente, è riuscito a ricostruire le ultime ore del motociclo precedenti il furto, grazie al GPS installato sul veicolo, che ha consentito di individuare lo scooter parcheggiato in via Gramsci pochi minuti prima del furto. Le telecamere presenti sia in via Gramsci che nell'area di piazza Sant'Elena hanno poi consentito all'operatore della Polizia Locale di identificare il responsabile del furto, un italiano cinquantenne residente in zona. Il ladro, quando ha visto la persona che lo aveva noleggiato lasciare lo scooter nel parcheggio di via Gramsci, ha atteso alcuni minuti che l'uomo si allontanasse e poi, prima che il bloccasterzo elettronico venisse inserito automaticamente, ha sollevato lo scooter spingendolo fino in piazza Sant'elena, dove lo ha lasciato dietro i contenitori dei rifiuti, per poi tornare poco prima della mezzanotte per rifasciarlo in alcuni teli, forse per impedirne il riconoscimento per via del vistoso colore giallo che lo contraddistingueva. L'agente, compiute le dovute indagini, dopo aver riconsegnato lo scooter ai rappresentanti della ditta, ha raggiunto l'abitazione dell'uomo e lo ha denunciato per furto aggravato.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium