/ Sanità

Sanità | 24 novembre 2019, 17:12

Rischio isolamento in Val Bormida, Ardenti (II commissione Salute): "Presi contatti con il Piemonte e potenziati servizi automedica a Cairo e Carcare"

Se sarà necessario saranno stretti accordi con strutture piemontesi per pazienti dializzati o chemioterapici che si recavano al San Paolo o al Santa Corona per le cure

Rischio isolamento in Val Bormida, Ardenti (II commissione Salute): "Presi contatti con il Piemonte e potenziati servizi automedica a Cairo e Carcare"

Il passo di Cadibona chiuso all’altezza del Maschio, l’autostrada A6 Savona-Torino bloccata in entrambi i sensi di marcia, quello verso nord per un crollo e quello verso sud per accertamenti, altre strade minori (ad esempio quella dei Tecci ad Altare) soggette a movimenti franosi.

Il quadro che si profila è quello di una Val Bormida preoccupantemente isolata dal resto della provincia, in modo particolare dal capoluogo, che tra le altre cose è sede di un importante ospedale.

Il pensiero alle problematiche legate alla sanità è immediato. Spiega a tal proposito Paolo Ardenti, vicecapogruppo della Lega in consiglio regionale e rappresentante della II Commissione Salute e Sicurezza Sociale: “Abbiamo già provveduto ad aggiungere una seconda automedica con medico a Carcare e quindi l’auto medica di Cairo rimane in ospedale per emergenze anche interne. Abbiamo messo anche un’automedica in più a Savona.

Per quanto riguarda i ricoverati a Cairo Montenotte, dei loro pasti si occuperà la mensa di Italiana Coke.

Inoltre l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale è in contatto con il Piemonte per garantire le esigenze sanitarie principali, a tal proposito gli ex 118 (oggi NUE) ligure e piemontese sono già attivati per le urgenze.

Ad ora nessun problema di scopertura turni notturna ne a Cairo ne a Savona. Domani mattina qualche criticità di dipendenti che da Cairo dovevano prendere servizio a Savona ma utilizzeremo il solito sistema di sostituzione turni.

Per tutte quelle altre necessità tipo dialisi, chemioterapia e altri trattamenti a cadenza regolare per i quali i valbormidesi devono spostarsi verso il San Paolo di Savona o il Santa Corona di Pietra Ligure, entro sera se necessario attueremo con il Piemonte quanto necessario”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium