/ Cronaca

Cronaca | 02 aprile 2020, 16:43

Coronavirus: aumenta a 1,6 milioni di euro il fondo per il contributo straordinario alle famiglie per l'accudimento dei figli

Viale: “Intercettato il bisogno concreto fin dall’inizio dell’emergenza, al lavoro per implementare le risorse”

Coronavirus: aumenta a 1,6 milioni di euro il fondo per il contributo straordinario alle famiglie per l'accudimento dei figli

Aumentano a 1.600.000 euro le risorse a disposizione delle 11.000 famiglie che hanno richiesto il contributo straordinario messo in campo da Regione Liguria per l’accudimento dei figli durante il periodo di sospensione dell’attività scolastica a causa dell’emergenza coronavirus: a fronte della risposta all’avviso pubblico l’assessorato alle Politiche sociali ha potenziato il fondo, inizialmente di circa 833.000 euro, stanziando ulteriori 750.000 euro.

Il voucher una tantum è di 500 euro per i nuclei famigliari con un Isee fino a 20.000 euro oppure da 300 euro per le famiglie con Isee tra 20 e 50.000 euro, le risorse continueranno ad essere erogate da Filse fino ad esaurimento del plafond: nel caso di eventuali rifinanziamenti verrà utilizzata la graduatoria, procedendo in ordine di Isee crescente.

“Questa misura – spiega l’assessora alle Politiche sociali Sonia Viale – s’affianca a tutto quello che stiamo facendo dal punto di vista sanitario: l’emergenza sta mettendo in difficoltà molte famiglie e ci è sembrato giusto, fin dai primi di marzo, intervenire con questa prima iniziativa che ha intercettato un bisogno concreto. Oggi, grazie all’aumento delle risorse disponibili, ampliamo la platea di coloro che potranno beneficiare del voucher, Filse ha già processato tutte le domande che sono arrivate fino ad oggi e procederà ad erogare i voucher scorrendo la graduatoria in base all’Isee”.

“Rendere disponibili 1.600.000 euro significa che ci siamo rimboccati le maniche senza aspettare – continua Viale – e individuando un meccanismo semplice ed efficace per erogare le risorse ed evitando in questo modo quello che invece è accaduto a livello nazionale con il ‘click day’ dell’Inps. In una situazione d’emergenza la burocrazia non deve prevalere sulla tempestività delle risposte per bisogni evidenti derivanti dalla pandemia in atto; continuiamo a lavorare per individuare altre risorse da destinare a questa misura: in questo senso l’auspicio è che il governo incrementi il fondo sociale legato all’emergenza e destinato alle regioni per poter per riuscire a soddisfare tutte le richieste ricevute".

“Ad oggi hanno presentato domanda 11.000 famiglie: il 75% delle quali – conclude Viale – è stato presentato da famiglie con reddito Isee fino a 20.000 euro, le risorse verranno erogate fino ad esaurimento del plafond e nel caso di eventuali rifinanziamenti verrà utilizzata la graduatoria in ordine di Isee crescente; il bando è disponibile sul sito di Filse ed è aperto fino al 16 aprile”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium