/ Cronaca

Cronaca | 01 giugno 2020, 13:47

Bassetti sui social: "Numeri del Covid più che incoraggianti, ora attendiamo di capire perché dai laboratori virologici"

Il virologo dell'ospedale San Martino usa una metafora animale per descrivere la nuova fase del virus: "Se a marzo/aprile il Covid era una tigre, oggi abbiamo di fronte un gatto selvatico addomesticabile"

Bassetti sui social: "Numeri del Covid più che incoraggianti, ora attendiamo di capire perché dai laboratori virologici"

"I numeri relativi al Covid sono ben più che incoraggianti. Sempre meno pazienti in terapia intensiva e sempre più dimessi. La crescita di nuovi casi nelle varie regioni è compresa tra lo 0.1 e 0.2% sul giorno precedente, pressoché ferma", scrive il virologo dell'Ospedale San Martino Matteo Bassetti attraverso un post su Facebook.

Bassetti conferma quanto già rilevato da diversi tecnici del settore rispetto a una minore "aggressività" dell'infezione da coronavirus: "I pazienti con il Covid che si presentano oggi alla nostra attenzione sono profondamente diversi da quelli che arrivavano nei nostri ospedali a marzo/ aprile - scrive il medico -. Per usare un paragone comprensibile ai miei figli ho chiamato in causa il mondo animale: a marzo/ aprile il Covid era una tigre, oggi è un gatto selvatico addomesticabile. Perché? Meno carica virale e meno virulenza? Entrambe le ipotesi sono valide, attendiamo conferme dai laboratori di virologia, già anticipate dal San Raffaele e dall’ospedale di Brescia. Non si dica però che oggi il virus è meno letale perché siamo più bravi o perché i pazienti arrivano prima in ospedale. E’ vero che siamo più bravi, ma la presentazione clinica e l’esordio della malattia oggi sono molto diversi".

Bassetti affronta poi la questione del cosiddetto "passaporto sanitario", che dovrebbe consentire o meno lo spostamento delle persone fra Regioni in cui si stima un diverso rischio di contagio: "Lo trovo poco in linea con la privacy dei pazienti - spiega l'infettivologo -. Creerebbe un precedente: chiedere agli italiani di esibire la negatività del tampone o quella della sierologia equivarrebbe a chiedere a un giovane di esibire il test per l’HIV o per la sifilide negativo, prima di entrare in una discoteca. A mio avviso le informazioni dovrebbero restare sensibili e valutate esclusivamente dai medici. Ho trovato infine interessante un articolo scientifico sud-coreano in cui si dimostra che chi torna positivo dopo due test negativi non contagia e soprattutto non va considerato il caso come una nuova infezione, ma è sempre la stessa che continua con minor forza e contagiosità. Da approfondire".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium