/ Cronaca

Cronaca | 11 giugno 2020, 10:19

Rifiuti pericolosi diretti in Africa sequestrati al porto di Genova

Il materiale era pronto a partire per evitare agli imprenditori che dovevano sbarazzarsene di pagare il dovuto per il suo corretto smaltimento

Rifiuti pericolosi diretti in Africa sequestrati al porto di Genova

Genova - Guardia di finanza e Agenzia delle dogane in azione al porto di genova, dove hanno posto sotto sequestro 130 tonnellate di rifiuti  speciali pronti a partire per l'Africa e destinati allo smaltimento illegale.

Gli investigatori hanno denunciato 16 persone e hanno scoperto che i rifiuti, in particolare Raee (rifiuti apparati elettrici ed elettronici), erano stati consegnati a un gruppo organizzato di nordafricani che lo avrebbero smaltito, evitando così di pagare le tariffe per uno smaltimento ecologicamente corretto e a norma di legge.

I materiali pericolosi venivano così trasportati in Senegal, Marocco, Nigeria, Costa d'Avorio dove venivano "fatti sparire".

Tutti i rifiuti finiti sotto sequestro sono stati smaltiti addebitando i costi a chi li aveva prodotti.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium