/ Politica

Politica | 11 giugno 2020, 16:35

Centro remiero di Pra’: il Municipio chiede chiarezza su prospettive e gestione

Il 15 giugno verrà discussa la mozione presentata da Partito Democratico, A Sinistra, Lista Crivello, Movimento 5 Stelle e Chiamami Genova: “Vogliamo sederci al tavolo ed essere coinvolti nelle scelte”

Centro remiero di Pra’: il Municipio chiede chiarezza su prospettive e gestione

Centro remiero di Pra’: il Municipio torna a chiedere chiarezza su sviluppi e prospettive sia del complesso che del canale di calma per ospitare le regate: questione inserita all’ordine del giorno del prossimo Consiglio municipale che avrà luogo il 15 giugno alle 14.30 secondo la modalità della teleconferenza, si tratta della mozione numero 167774 che ha per oggetto 'La gestione del centro remiero di Genova Pra’' ed è presentata dai gruppi consiliari Partito Democratico, A Sinistra, Lista Crivello, Movimento 5 Stelle e Chiamami Genova.

Si tratta di un tema molto caldo a Pra’ anche perché ultimamente non sono mancati i problemi alla foce del Rio San Pietro e il gruppo sportivo Speranza Pra’ li ha manifestati più e più volte, attraverso i propri dirigenti. A firmare il documento sono Roberto Ferrando e Ugo Truffelli del Pd, Filippo Bruzzone di A Sinistra, Giovanni Battista Sacco della Lista Crivello, Massimo Currò del Movimento 5 Stelle e Carlo Calcagno di Chiamami Genova. Secondo gli autori della mozione, “è di fondamentale importanza che la gestione del Centro Remiero di Pra’ nel suo complesso non possa prescindere dal coinvolgimento attivo delle società che già vi operano, diretta espressione della realtà associativa e sportiva di Pra’ e del Ponente, e che pertanto ogni modello gestionale non possa che passare dall’accordo con tali realtà. Da mesi è in atto un’interlocuzione tra Comune di Genova, realtà sportive e Federazione italiana canottaggio per la gestione dell’intero plesso sportivo in oggetto, senza che il Municipio VII Ponente sia mai stato invitato a far parte di queste discussioni, se non solamente nell’ultimo incontro del 3 giugno scorso”. Inoltre per quanto riguarda il centro remiero “anche il cosiddetto ‘hangar centrale’ che ad oggi il Comune di Genova ha inteso riservarsi per utilizzi istituzionali, deve rientrare in un discorso complessivo relativo alla gestione del centro”.

Gli autori della mozione ricordano che “la fascia di rispetto di Pra’ e la cosiddetta ‘Cittadella dello sport’ rappresentano l’indennizzo per il territorio a seguito della costruzione della piattaforma portuale. Per tale ragione l’area di cui sopra ha un’importantissima valenza sociale, sia per le attività sportive, sia per le attività ludiche, sia nella sua accezione più ampia: in particolare il centro remiero è sede di realtà sportive storiche del Ponente e di Pra’ che costituiscono un sano punto di riferimento sportivo per quasi un centinaio di giovani e giovanissimi. Inoltre il campo di regata di Pra’ è l’unico presso cui si possono disputare talune competizioni giovanili e master con inevitabile giovamento non solo per Pra’ ma di tutto il territorio di Ponente. E il Municipio, istituzionalmente, è l’ente più prossimo alla cittadinanza e quindi destinatario ed espressione delle richieste quotidiane della propria comunità e delle esigenze delle realtà che rendono migliore il territorio del Ponente”.

Per tutti questi motivi i tre partiti di maggioranza nel ‘parlamentino’ di piazza Gaggero a Voltri (Partito Democratico, A Sinistra e Lista Crivello) insieme a M5S e a Chiamami Genova chiedono al presidente del Municipio, Claudio Chiarotti, e alla Giunta municipale di “attivarsi presso gli enti e gli uffici preposti al fine di avere soddisfazione alle richieste del Consiglio municipale”, proprio considerando che “il Municipio VII Ponente, quale rappresentanza istituzionale del territorio, deve sempre esser parte di ogni tavolo e di ogni discussione avente ad oggetto la fascia di rispetto di Pra’, la ‘Cittadella dello sport’ e il centro remiero. E che l’hangar centrale deve essere parte integrante di ogni discussione complessiva sulla gestione del centro remiero”.

Sempre a proposito della fascia di rispetto, attraverso una seconda mozione, Pd, A Sinistra e Lista Crivello, ricordando che “il Comune di Genova ha inteso assumere la concessione diretta della fascia di rispetto, e così facendo anche le manutenzioni che con la precedente concessione cointestata spettavano all’associazione ‘Pra’ Viva’, mentre sono ora responsabilità comunale”, chiedono aggiornamenti proprio all’amministrazione comunale considerando che “l’area del parcheggio antistante la stazione che non ha solo la funzione di interscambio con la ferrovia ma è l’unico parcheggio di tutta la delegazione ed è pertanto usato a tutte le ore, si trova in uno stato d'incuria; il campo di atletica non è stato ancora inaugurato; le aree adibite a verde sia della fascia che dei giardini Dapelo necessitano d'interventi manutentivi urgenti e continui; il bagno pubblico nei giardini Dapelo è tuttora chiuso”.

Sono i limiti di una gestione centralizzata? Probabilmente sì: e allora, come nel caso degli sfalci, perché non garantire un po’ più di efficienza?

Alberto Bruzzone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium