/ Attualità

Attualità | 14 ottobre 2020, 17:04

Cinema e fumetto al centro del nuovo progetto di Medicinema, Gaslini e istituzioni territoriali (VIDEO)

Lilli Lauro: "importante passo per un modello di intervento che potrà divenire replicabile in molte realtà didattiche e di cura, includendo anche un percorso di formazione per la docenza"

Cinema e fumetto al centro del nuovo progetto di Medicinema, Gaslini e istituzioni territoriali (VIDEO)

Il cinema fa bene, ancor più se si vive un momento di fragilità. Di questo si è discusso oggi, a Palazzo Tursi, nel corso della presentazione del progetto pilota che Medicinema Italia Onlus ha predisposto, in collaborazione con l'Istituto G. Gaslini e il consigliere delegato ai rapporti con i Municipi, per la città di Genova ed alcune sue strutture scolastiche e centri sociali, Lilli Lauro. 

Negli ultimi decenni, in Italia si sono sempre più diffuse esperienze artistiche, come cinema, teatro, danza, musica, con lo scopo di promuovere in alcuni casi il benessere o la riduzione del disagio, in altri il reinserimento e l'inclusione sociale. 

E l'amministrazione comunale, in collaborazione con l'Associazione Medicinema Italia (promotrice del progetto), Regione Liguria, MIUR, istituti scolastici, Centri sociali ha programmato una serie di appuntamenti e laboratori sul territorio. I corsi — sia on line che frontali — si terranno da ottobre a maggio presso Istituto Comprensivo di Teglia e presso il Centro Il Mosaico (Municipio V) e presso il Circolo Pickwick (Municipio Il). 

I Laboratori di Cinema e di Fumetto saranno un veicolo di stimolo per i giovani partecipanti, che potranno coniugare il tema dell'intrattenimento ad una esperienza sociale di sicuro beneficio e miglioramento del proprio stato psico-fisico e della qualità della vita relazionale. 

L'attività si configura all'interno di un programma che vuole sostenere l'utilizzo del cinema a scopo di cura come strumento sia riabilitativo nelle casistiche patologiche principalmente neurologiche e come strumento innovativo di welfare per il corretto sostegno alla persona. Ogni attività infatti è monitorata da personale socio sanitario, al fine della misurazione dei benefici prodotti e degli impatti sociali raggiunti. 

MediCinema Italia è l'associazione che dal 2013 si occupa dì cineterapia nelle strutture sanitarie e di cura nazionali, realizzando apposite sale cinema senza barriere negli ospedali e attivando programmi di cineterapia per il sostegno e la cura della persona fragile. Ogni percorso offerto viene monitorato scientificamente per testare l'efficacia di ogni intervento. 

Da alcuni anni si occupa di disagio giovanile con l'avvio di un Programma triennale di Laboratorio di Cinema adottato nelle scuole, per dare ai partecipanti l'opportunità di vivere da protagonisti una esperienza stimolante ed emotivamente utile al rafforzamento delle proprie attitudini e comportamento. 

"La collaborazione tra pubblico e privato — sostiene il consigliere delegato ai rapporti con i Municipi Lilli Lauro — rappresenta oggi, in un'ottica di sussidiarietà, un importante passo per un modello di intervento che potrà divenire replicabile in molte realtà didattiche e di cura, includendo anche un percorso di formazione per la docenza. Tengo particolarmente a sottolineare l'aspetto "territoriale" di questi interventi che contiamo di poter estendere in altri Muncipi genovesi". 

Il commento di Lilli Lauro al progetto:

Fulvia Salvi, presidente di Associazione Medicinema Onlus commenta 'avvio del progetto:

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium