/ Cronaca

Cronaca | 08 aprile 2021, 16:10

Secondo giorno di protesta per i lavoratori di Leonardo decisi a difendere l'automazione

Fim, Fiom e Uilm chiedono di non disperdere un patrimonio professionale apprezzato in tutto il mondo

Secondo giorno di protesta per i lavoratori di Leonardo decisi a difendere l'automazione

Ancora una giornata di protesta per i lavoratori di Leonardo che questa mattina sono tornati a riunirsi dopo l’assemblea di ieri nella sede di Genova Sestri: le motivazioni alla base della mobilitazione riguardano la vertenza contro la dismissione e la fuoriuscita della Business unit automazione dal perimetro Leonardo.

Fim, Fiom e Uilm chiedono al primo gruppo industriale del Paese di ritornare sui propri passi e di non disperdere un patrimonio professionale apprezzato in tutto il mondo; intanto rimarcano ancora una volta l’assordante silenzio della politica sulla vicenda che riguarda quattrocento famiglie genovesi.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium