/ Economia

Economia | 10 giugno 2021, 15:00

Come mangiare in modo sano? Cibo e curiosità

Analizziamo il rapporto tra cibo e abitudini alimentari.

Come mangiare in modo sano? Cibo e curiosità

Il rapporto con il cibo è cambiato nel tempo, ma come mangiare in modo sano? Ci sono tantissimi alimenti a disposizione anche se nell’ultimo periodo sembra che ci sia una sensibilità maggiore ad alcuni, che emerge da un giorno all’altro.

La spesa ripetitiva, le cotture che sono sempre uguali e le composizioni già pronte non fanno altro che rendere le persone adagiate con un equilibrio che man mano si spezza. Ma come fare per mangiare in modo sano? Ecco qualche consiglio e curiosità sull’argomento.

Rapporto tra cibo e abitudini alimentari

La grande ricchezza di alimenti che ci sono in natura andrebbero sfruttati e ben calibrati nel corso di una giornata. Basta pensare alla varietà di cereali presenti come mais, frumento, avena, riso, orzo, segale, farro e kamut passando agli pseudo cereali come chia, quinoa, grano saraceno e amaranto.

Nonostante questo a tavola ci sono sempre gli stessi ingredienti senza considerare alti elementi che possiedono nutrimento di alta qualità. Nella maggior parte dei casi si tende a considerare sempre il grano, il kamut e il farro.

Ma non è tutto, infatti anche tra i semi oleosi si considerano sempre gli stessi eppure in natura ci sono arachidi, pistacchi, pinoli, noci brasiliane, pechan, nocciole, mandorle e tantissimi altri ancora.

La monotonia passa anche dal condimento dei vari alimenti, infatti si predilige la salsa di pomodoro con formaggio grattugiato arrivando alla panna o besciamella. All’interno di un supermercato, basta farci caso, ci sono delle disposizioni particolari all’interno degli scaffali con le scelte cromatiche identiche che catturano l’attenzione del consumatore. La spesa comoda è un vantaggio ma l’effetto collaterale è quello di utilizzare stesso cibo e stessa marca, senza mai cambiare.

Come migliorare il rapporto con il cibo?

Ma è possibile migliorare il rapporto con il cibo e spingersi oltre a quella che è la comfort zone? I professionisti del settore consigliano:

  • Mantenere sempre una curiosità attiva, cucinando nuovi primi piatti diversi dai soliti o cambiando semplicemente una marca di biscotti. Dare precedenza agli alimenti integrali con una qualità degli ingredienti che possono essere miele, cacao, nocciole e uova. Per i primi piatti attenzione sempre alla composizione che sia di un cereale naturale (preferibilmente integrale).

  • Anche i sapori devono variare continuamente evitando la noia a tavola. I primi possono avere un’ampia scelta associando i legumi che possono trasformare un semplice piatto in qualcosa di ottimo: lenticchie, piselli, ceci dentro una insalata mista oppure con riso e pasta. La sera perché non assaggiare una crema calda oppure una zuppa leggera? Per i più esigenti si può anche scegliere una cottura al vapore oppure in forno, inventando qualcosa di nuovo. Da non dimenticare la frutta e la verdura, alcune varietà possono essere anche amare sino a quelle più dolci, ideali per ogni tipo di ricetta.

  • La varietà si basa anche sugli elementi da assimilare. Infatti una ripetitività nutrizionale non è corretta perché, con l’andare del tempo, si farà fatica a digerire gli elementi. Se prima un alimento poteva essere tra i preferiti, oggi si può far scattare una sensibilità particolare sfociando in un disturbo difficile da arginare.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium