/ Economia

Economia | 08 settembre 2021, 08:19

Dehors, l'assessore Bordilli: "Aiuto a bar e ristoranti deve proseguire con il suolo gratis, ma segnalate i casi di ingombro circolazione" (VIDEO)

L'occupazione dello spazio pubblico, che potrebbe rimanere gratis fino a giugno 2022, è al centro di critiche e aspettative

L'assessore Paola Bordilli - Genova

L'assessore Paola Bordilli

L’assessore al commercio Paola Bordilli spiega la possibile scelta di aiutare una delle categorie che più ha sofferto causa COVID-19 e invita i cittadini a segnalare quelli che potrebbero essere troppo estesi e occupare abusivamente. 

La fine della pandemia non coinciderà con la fine della crisi economica che ha interessato nei mesi di chiusura anche bar e ristoranti. 

Secondo l’assessore Paola Bordilli, un aiuto concreto a questa categoria potrebbe essere la possibilità di prorogare completante gratis lo spazio pubblico per i dehors.

Oltre 26.000 metri quadri sono stati concessi, fino ad oggi, gratuitamente dal comune per la costruzione di dehors, e Genova è stata la prima città ad elargire gli spazi pubblici gratis per fronteggiare la pandemia. 

“È un modo per stare vicino alle categorie che più hanno sofferto causa COVID-19 cioè bar e ristoranti. Oggi è un sostegno utile anche per via del green pass che obbliga chi ne è sprovvisto di consumare all’aperto” afferma l’assessore Bordilli.

“Il centro città in verità era già abituato alla presenza dei tavolini all’aperto. Nelle delegazioni si nota, invece, come il concetto di occupare spazio in maniera sana e legale sia una scelta vincente” continua l’assessore. 

Molti spazi delle delegazioni cittadine erano anche oggetto di degrado; adesso, con la presenza dei tavolini, hanno assunto maggiore prestigio, addirittura con la maggiore cura delle aiuole attigue ai dehors stessi. 

Sul problema dell’ingombro dei tavolini nei confronti ad esempio dei mezzi di soccorso, l’assessore precisa che ogni dehors, prima di essere autorizzato, viene visionato da un tecnico e dalla polizia locale. 

“Chi vede dehors che effettivamente bloccano la circolazione dovrebbe segnalarlo tempestivamente in quanto potrebbe trattarsi di occupazione di spazio pubblico non autorizzata” precisa Paola Bordilli. 

“Abbiamo sveltito le pratiche, ma ciò è stato fatto tenendo sempre conto della sicurezza e della viabilità; in questo momento se l’economia locale crolla, tutto si ripercuote sul singolo cittadino; tutti i dehors sono stati concessi in zone dove non passano ambulanze. Se i residenti ritengono che un dehors sia oggetto di intralcio sono quindi tenuti a comunicarlo tempestivamente” continua Bordilli. 

Alcune segnalazioni sono già state fatte ed i tecnici sono intervenuti per verificare se i tavolini all’aperto fossero autorizzati se oppure fossero stati montati abusivamente.

"Credo che si debba avere fiducia del nostro operato e di quello dei nostri tecnici; siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento in merito ad una convivenza civile” conclude l’assessore.

Chiara Manganaro

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium