/ Attualità

Attualità | 24 novembre 2021, 17:15

Nuovo Info Point in Piazza delle Lavandaie e nuova gestione per la Casa di Colombo (FOTO E VIDEO)

la Cooperativa Dafne Impresa Sociale gestirà il punto informativo e collaborerà con la Cooperativa Solidarietà e Lavoro per valorizzare la Casa di Colombo

Nuovo Info Point in Piazza delle Lavandaie e nuova gestione per la Casa di Colombo (FOTO E VIDEO)

Un nuovo punto informativo sui servizi turistici in piazza delle Lavandaie, nel cuore del Sestiere del Molo. Realizzato in collaborazione con l’assessorato al Marketing territoriale e Sviluppo Economico Turistico del Comune di Genova, il nuovo point rientra nel Patto di sussidiarietà per il Sestiere del Molo, nell’ambito del piano integrato Caruggi. La gestione è affidata alla Cooperativa Dafne Impresa Sociale, attiva dal 1994, in sinergia con la rete degli Uffici IAT cittadini gestito dalla Direzione Attività e Marketing del Turismo.

Nel nuovo Info Point, turisti e genovesi possono ricevere informazioni su visite guidate, eventi e turismo esperienziale, ma anche sulle attività delle 54 associazioni che aderiscono al Patto di sussidiarietà, delle manifestazioni all’interno del Sestiere, del Centro storico, delle iniziative organizzate dal Comune in città e degli appuntamenti a livello regionale.

 

«Un nuovo Info Point nel cuore del centro storico, per un’offerta turistica sempre più accessibile e a misura di visitatore  - spiega l’assessore allo Sviluppo economico turistico Laura Gaggero - l’esigenza di consolidare l’immagine di Genova come destinazione turistica a tutto tondo, accessibile e sostenibile, oltre che come città d’arte, ha comportato la messa a punto di attività e strategie mirate e diversificate; tra queste l’implementazione degli info point come presidi di accoglienza e di informazioni, per un’esperienza genovese indimenticabile».

«Il nuovo Punto informativo – spiega l’assessore al Centro Storico Paola Bordilli porterà nuova luce e attenzione all’interno del Sestiere, offrendo informazioni utili non solo ai turisti ma anche ai tantissimi genovesi che vogliono vivere e scoprire le bellezze del centro storico, a partire dalla Casa di Colombo. L’Info Point sarà anche un presidio prezioso, una vetrina per le attività che si svolgono nel Sestiere con il coinvolgimento del Civ, dei cittadini e delle associazioni, impegnate, in stretta sinergia con la nostra amministrazione, alla rigenerazione e all’occupazione sana di una porzione strategica della città vecchia».

L’orario invernale dell’Info point prevede tre giorni di apertura al pubblico: mercoledì e venerdì dalle 14 alle 17, sabato dalle 13 alle 17.

«Si tratta di una grande sfida – spiega il presidente del Ce.Sto. capofila del Patto di sussidiarietà Marco Montoli - affinché il turismo diventi una risorsa per il quartiere, ma nello stesso tempo sia una possibilità di consolidare il rapporto e il senso di comunità tra gli abitanti. La sfida è quella di incentivare un nuovo tipo di turismo sostenibile che arricchisca la cultura della città e nello stesso tempo costituisca un elemento di crescita e di sviluppo di chi vive nel territorio».

 

La Cooperativa Dafne, oltre al nuovo Info point, gestisce i servizi Iat di Rapallo, Santa Margherita Ligure e Varazze e in passato ha gestito anche quelli di Portofino e di Cogoleto. Le informazioni saranno disponibili in italiano e in inglese più una terza lingua fra francese e spagnolo, a seconda degli operatori in servizio.

«Turismo e Comunità di piazza delle Lavandaie – dichiara Marilù Cavallero della Cooperativa Dafne - rappresenta un nuovo modello di punto informativo turistico in cui il servizio offerto ai turisti e ai visitatori si lega con la vita delle comunità residenti sul territorio. Cooperativa Dafne impresa sociale è orgogliosa di rappresentare un punto di svolta nell'innovazione dei servizi turistici della città di Genova; si tratta infatti di un'iniziativa nuova e interessante che esprime una moderna idea di turismo culturale, inclusivo, responsabile e accessibile esattamente quello che la cooperativa persegue con costanza e ostinazione come mission».

 

Nuova segnaletica e nuova gestione per la Casa di Colombo. All’interno del Patto di Sussidiarietà la gestione della Casa di Colombo è affidata alla Cooperativa Solidarietà e Lavoro, in collaborazione con la Cooperativa Dafne. Per valorizzare il sito è stata predisposta anche una nuova segnaletica turistica e nuovi pannelli informativi all’interno della Casa di Colombo sono stati realizzati in collaborazione con l’assessorato al Marketing Territoriale e Sviluppo Economico Turistico.

«È un esempio di partnership tra pubblico e privato con una strategia a lungo termine – dichiara l’assessore alle Politiche Culturali Barbara Grossoil Patto di sussidiarietà è servito per attuare delle politiche trasversali perché solo mettendo in atto un concetto di cultura più ampio si riesce a valorizzare e a far crescere il nostro patrimonio e la nostra città. Lavorare con le associazioni vuol dire ascoltare e lavorare insieme con il territorio».

 

Solidarietà e Lavoro è un’impresa sociale attiva dal 1989, con esperienza nella progettazione, gestione, organizzazione e promozione di servizi culturali in ambito turistico e museale, per la migliore valorizzazione sociale e culturale delle strutture e dei territori in cui opera. Persegue la mission di inserimento lavorativo, creando opportunità di impiego nel mondo produttivo a persone svantaggiate.

La gestione di Casa di Colombo, da parte di Solidarietà e Lavoro, rientra all’interno di un progetto molto più ampio di sviluppo e rilancio del Sestiere del Molo che comprende anche il chiostro di Sant’Andrea, le Mura del Barbarossa e Porta Soprana, dove sono in corso lavori di messa in sicurezza.

La Casa di Colombo, nel periodo invernale, è aperta da martedì al venerdì dalle 10 alle 17, mentre ogni sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 17.30.

 

Christian Torri

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium