/ Eventi

Eventi | 22 gennaio 2022, 11:12

Daniele Gaglianone presenta il suo nuovo film "Il tempo rimasto"

L’opera racconta il mondo della terza età e inaugura la rassegna Ovest.Doc, dedicata al cinema documentario italiano e internazionale

Daniele Gaglianone presenta il suo nuovo film "Il tempo rimasto"

Giovedì 27 gennaio a Genova, ore 18, al Club Amici del Cinema (via Carlo Rolando 15) e, ore 21.15, al Nickelodeon (via della Consolazione 5r) il regista Daniele Gaglianone incontrerà il pubblico per parlare del suo nuovo film Il tempo rimasto. Entrambi gli appuntamenti saranno presentati dal critico cinematografico Juri Saitta.

L’iniziativa inaugura Ovest.Doc, la rassegna dedicata al documentario italiano e internazionale a cura di Giancarlo Giraud e Valentina Damiani.

Il Nickelodeon proietterà il film anche sabato 29 gennaio alle 18.30 e martedì 1 febbraio alle 21.15, mentre il Club Amici del Cinema riproporrà l’opera lunedì 31 gennaio alle 21.

Presentato nella sezione Il tempo del reale al 39° Torino Film Festival, Il tempo rimasto è un documentario prodotto dalla ZaLab di Andrea Segre in collaborazione con Rai Cinema e Luce Cinecittà. Il film è una riflessione sulla vecchiaia – e su cosa si arriva a scoprire guardandosi in questo specchio – che nasce da un lungo percorso di ascolto e da decine di incontri in cinque regioni italiane (Piemonte, Veneto, Lazio, Sicilia e Sardegna), alla ricerca di un mondo "fino a ieri", che a volte appare remotissimo, altre stranamente presente. Questo viaggio in Italia è iniziato nel 2019 grazie al progetto ARCHIVIO ’900 (curato da ZaLab Film per Luce Cinecittà), ovvero la costruzione di un Archivio digitale dedicato alle memorie delle ultime persone che hanno vissuto il mondo e la vita prima delle grandi trasformazioni tecnologiche del Novecento, che sarà presto disponibile e consultabile online sul sito dell’Archivio Luce.

Tra i più importanti registi indipendenti del cinema italiano contemporaneo, Daniele Gaglianone ha scritto e diretto numerosi lungometraggi fiction e documentari presentati e premiati in diversi festival internazionali. Da citare in tal senso la collaborazione alla sceneggiatura di Così ridevano di Gianni Amelio (Leone d’Oro alla 55a Mostra del Cinema di Venezia), l’esordio alla regia I nostri anni (presentato alla Quinzaine des Réalisateurs al 54° Festival di Cannes), Rata Nece Biti – La guerra non ci sarà (David di Donatello 2009 per il miglior documentario), Pietro (presentato in concorso al Festival di Locarno 2010), La mia classe (selezionato alle Giornate degli Autori alla 70a Mostra del Cinema di Venezia) e Dove bisogna stare, presentato al 36° Torino Film Festival e proiettato al Club Amici del Cinema come film d’apertura del 28° Missing Film Festival.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium