/ Politica

Politica | 09 maggio 2022, 18:25

"Obiettivo diventare il primo partito della coalizione", Fdi lancia i candidati in consiglio, il 6 giugno Giorgia Meloni a Genova (Foto e Video)

Il partito di Giorgia Meloni, che sarà a Genova il 6 giugno, sa che nel capoluogo ligure può giocare un ruolo determinante e ci crede. I candidati hanno firmato un patto 'anti inciucio'

"Obiettivo diventare il primo partito della coalizione", Fdi lancia i candidati in consiglio, il 6 giugno Giorgia Meloni a Genova (Foto e Video)

L'obiettivo è diventare il primo partito della coalizione di centrodestra, ed essere decisivi per la vittoria alle amministrative. Fratelli d'Italia questo pomeriggio all'hotel Bristol ha presentato i quaranta candidati in consiglio comunale a sostegno di Marco Bucci. Il partito di Giorgia Meloni, che sarà a Genova il 6 giugno, sa che nel capoluogo ligure può giocare un ruolo determinante e ci crede schierando tutti i consiglieri comunali uscenti, oltre all'assessore al turismo Laura Gaggero. Una lista con all'interno professionisti, giovani, in cui la parità di genere è quasi raggiunta, sono infatti 21 gli uomini e 19 le donne. Tanti anche i nomi nuovi, oltre a qualche ritorno, tra cui quello di Giuseppe Murolo, già consigliere comunale a Tursi e attuale coordinatore regionale cultura innovazione di Fdi.



Abbiamo scelto donne e uomini che possano portare a Genova competenze e passione, ma anche la certezza della loro coerenza – dichiara il commissario regionale del partito Matteo Rosso come ha più volte detto Giorgia Meloni a Milano Fratelli d’Italia è in grado di esprimere una classe dirigente preparata. In questi 5 anni abbiamo lealmente sostenuto l’amministrazione di Marco Bucci certi di essere parte del cambiamento che ha coinvolto la nostra città dopo anni di torpore, se non di vero e proprio immobilismo che non vogliamo rivedere mai più. Con i nostri assessori, consiglieri e tutti i candidati siamo qui oggi perché crediamo che sia necessario, per Genova, continuare con un altro mandato il progetto di una Genova, dinamica e coerente con i valori che esprimiamo da sempre”.

Sappiamo che il nostro è un partito giovane, la nostra leader è una donna giovane, - commenta l'assessore regionale Simona Ferroquello che si vuole cercare è la partecipazione dei giovani alla politica, perché grazie a loro potremmo pensare a una politica costruttiva”. Sul possibile risultato di Fdi, per molti accreditato come primo partito, l'assessore commenta: “Ho sempre paura a parlare di percentuali, adesso siamo il primo partito, ma non dimentichiamoci che partivamo dal 3 per cento sette anni fa”.

Il passato lo ha ricordato anche il collega di giunta Gianni Berrino: “Quando abbiamo affrontato le prime elezioni eravamo al 2 per cento nei sondaggi, e poi al 5 per cento. Questa è la prima grande elezione con un valore politico, perché Genova è una grandissima città, non solo nel cuore, ma anche nei fatti, che affrontiamo con dei sondaggi alti, che sono un po' come il calcio di agosto, ad agosto tutti possono vincere lo scudetto, poi sta ai giocatori in campo fare i punti necessari per vincerlo”.

21 uomini e 19 donne, - commenta il capogruppo di Fdi in consiglio regionale Stefano Balleari - scelti tra tutto quello che possono rappresentare una comunità come può essere Genova, persone di grande esperienza, non politica, ma professionale che sicuramente faranno la differenza per un partito che è il primo in Italia e vuole essere anche il primo partito della coalizione a sostegno del sindaco Marco Bucci”.

Noi siamo orgogliosi del lavoro fatto in questi cinque anni – ha commentato il coordinatore cittadino Antonio Oppicelli - e pensiamo che potremo fare ancora meglio nei prossimi con una crescita del partito che testimonia a livello locale e nazionale il valore del lavoro fatto e la coerenza di questo partito nel perseguire le sue idee, e siamo molto contenti dei nostri candidati, con una fortissima presenza femminile, ma anche una grandissima competenza”.

La mia è una candidatura a servizio dei genovesi, a servizio della mia città, - ha commentato Murolo - per portare coerenza, competenza, esperienza e portare anche quello spirito che ha sempre contraddistinto Fratelli d'Italia, che è un grandissimo partito con a capo un grandissimo presidente, che è Giorgia Meloni, ma è anche un'idea, un modo di vivere, di rapportarsi con gli elettori, con coerenza e competenza. Noi siamo certi che Bucci vincerà al primo turno, come del grande successo di Fratelli d'Italia, che porterà una squadra in consiglio comunale di persone che potranno aiutare ancora di più rispetto agli ultimi cinque anni, la lista del sindaco Bucci”.

Poco prima dell'esecuzione dell'Inno di Mameli, anche il primo cittadino, presente oggi, ha parlato con i giornalisti del possibile risultato di Fratelli d'Italia e di come potrebbe essere determinante per la formazione della giunta.

Tutti vogliono arrivare a fare il miglior risultato possibile, questo vuol dire mettersi in gioco per la città di Genova, ed è apprezzabile da parte di tutti. - ha commentato BucciFratelli d'Italia ha messo insieme una lista estremamente competitiva e questo è quello che vogliamo, perché vogliamo essere in grado tra tutta la coalizione di riuscire a prendere il maggior numero di voti possibile per vincere al primo turno e avere due settimane in più per lavorare per Genova”. Quanto peseranno i voti presi da ciascun partito per la formazione della nuova giunta? Sarà uno dei criteri, non il determinante, ma sarà uno dei criteri. Ricordatevi che per venire a lavorare in giunta bisogna avere le competenze, tanta disponibilità, voglia di mettersi in gioco e sacrificarsi, perché il lavoro è difficile, ci vuole molto tempo e molte volte si sacrifica la propria professione, quindi non è una cosa facile da decidere, ma avremo tempo dopo le elezioni per mettere a posto il quadro. Cinque anni fa in due settimane avevamo la giunta pronta, quest'anno penso che potremmo metterci lo stesso tempo, magari qualche giorno in più, ma non vedo ulteriori motivi per non essere pronti con la giunta e poter lavorare da subito per la città di Genova”.

"Tutti i candidati di Fratelli d’Italia - hanno spiegato i referenti del partito - si sono impegnati firmando un patto con tutti gli elettori genovesi, un patto come quello firmato nel 2018 da tutti i candidati al Parlamento con l’impegno a non tradire la fiducia che gli elettori hanno dato con il loro voto, un impegno chiaro e semplice che dice NOI NON TRADIAMO e che il capogruppo in Regione Stefano Balleari, già vicesindaco, ricorda molto bene: “quando mi candidai nel 2018 alle elezioni politiche presi un impegno ben preciso con gli italiani di non tradirli come troppo volte vediamo fare da chi eletto nelle file di un partito che poi cambia casacca durante il mandato. Io avevo preso questo impegno e oggi abbiamo chiesto ai nostri candidati di fare altrettanto sempre preservando il diritto costituzionale del vincolo di mandato che però, a nostro avviso, coesiste con quello del Popolo Sovrano sancito all’articolo 1 che non può assolutamente essere tradito”.

Tutti i 40 candidati al Consiglio comunale di Genova hanno firmato questo impegno ed hanno portato a casa copia di questo impegno. Non solo le 21 donne e i 19 uomini che hanno firmato quest’oggi hanno preso l’impegno con i genovesi, ma anche tutti i candidati ai Municipi. Ed è proprio a spiegare la composizione delle liste che interviene il commissario cittadino di FdI Antonio Oppicelli che commenta così le liste: “siamo riusciti a presentare in tutti i municipi i 24 candidati rispecchiando la volontà di portare competenze e passione anche nei consigli municipali con la medesima volontà di mantenere salda la coerenza che rende Fratelli d’Italia il primo partito del Paese. Abbiamo selezionato oltre alla candidata Presidente del Municipio Medio levante Anna Palmieri, 98 donne e 118 uomini che avessero queste caratteristiche, da commissario cittadino sono assolutamente convinto che tutti i candidati rispecchino le stesse caratteristiche della classe dirigente di Fratelli d’Italia”.

Di seguito tutti i candidati in ordine alfabetico, in allegato la scheda di tutti i quaranta:

Rita Bellomo, Alessandra Bianchi, Daniele Bonusso, Alberto Campanella, Alessandra Cavalli,Cristina Cecconi, Miriam Cerliani,Fulvio Comini, Davide Consoli, Paola Danti, Francesco De Benedictis,Vincenzo Falcone,Francesca Fassio, Laura Gaggero, Alexandra Galarza, Antonino Gambino, Monica Gennaro, Mario Ghiglione, Roberto Giordano, Vitantonio Ladisa, Paola Lercari, Fulvia Linari, Elisabetta Marchese, Massimo Martello, Linda Martellucci, Cinzia Massa, Loredana Massone, Erminia Meoli, Anna Milione, Rosalia Mondello, Rim Mrabet, Giuseppe Murolo, Vinicio Raso, Camillo Rosano, David Salanitro, Sandro Sandulli, Mirella Sansalone, Bruno Simondo, Valeriano Vacalebre e Enzo Zaffera

Files:
 ELENCO CANDIDATI GENOVA (2.1 MB)

Christian Torri


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium