/ Attualità

Attualità | 13 maggio 2022, 13:52

Polpi e meduse all’uncinetto per i bimbi del Gaslini, è partito il conto alla rovescia

A fine mese la consegna di duecento pezzi fatti a mano dai volontari del ‘Gruppo di Amici di San Fruttuoso’. Sono il materiale necessario per la ‘Octopus therapy’, nata nel 2013 in Danimarca

Polpi e meduse all’uncinetto per i bimbi del Gaslini, è partito il conto alla rovescia

Polpi e meduse all’uncinetto per i bimbi del Gaslini, è partito il conto alla rovescia. A fine mese la consegna di circa duecento pezzi, tutti unici, fatti a mano dai volontari del ‘Gruppo di Amici di San Fruttuoso’.

È soddisfatta Jadwiga Pacholec, ideatrice dell’iniziativa, amministratrice del ‘Gruppo di Amici di San Fruttuoso’, per un altro successo, tutto solidale e dedicato ai piccoli ricoverati all’ospedale pediatrico Giannina Gaslini: “In due mesi abbiamo realizzato ben180 pezzi: è un successo”.

Con le loro abili mani i volontari hanno realizzato all’uncinetto dei piccoli e colorati polpi e delle piccole meduse di cotone, che andranno nei reparti di lunga degenza. L’idea di questo progetto è venuta a Jadwiga dopo aver visto i piccoli polpi sul profilo Facebook di un’amica, chiesti da una infermiera dell’ospedale San Martino, Rita Marozzi.

La stessa infermiera ha seguito il nuovo progetto, nato a San Fruttuoso, che da subito è piaciuto al gruppo e in tanti hanno aderito alla proposta e lavorato in questi ultimi due mesi, per creare i preziosi animaletti. Sono il materiale necessario per la ‘Octopus therapy’, nata nel 2013 in Danimarca, nell’ospedale universitario Aarhus. È dimostrato che i morbidi tentacoli di maglia ricordano ai bimbi prematuri il cordone ombelicale: li tengono stretti di notte e li calmano facendoli stare meglio ed evitando anche che siano attratti dai tubi e dai cavi dei monitor delle incubatrici che li ospitano. Per il bambino sono il primo gioco che riceve e la conseguenza è il miglioramento nella respirazione e di altri parametri vitali, soprattutto per i neonati con peso inferiore ai due chili.

È un dono vero proprio anche per le famiglie, perché è stato permesso alle mamme di tenere addosso il polpetto o la medusa di cotone per lasciare che assorbisse il suo profumo: il piccolo così supera meglio il distacco da chi l’ha tenuto dentro di sé sino alla nascita, senza interrompere quel legame.

Il progetto ‘Octopus therapy’ è stato accolto in Inghilterra e in Italia, dove i primi ad aderire sono stati gli ospedali di Cesena, Rimini e Bologna Maggiore. Tra chi si è messo all’opera a San Fruttuoso, ben 15 persone, c’è chi ne ha fatti 20, chi 3 e chi solo uno: un’esperienza diversa e tutta col cuore, stavolta per realizzare polpi e meduse, invece di ‘mattonelle’ per il grande e applauditissimo albero dello scorso Natale di piazza Martinez.

È stato usato cotone nuovo e preso spunto dalle foto messe a disposizione su Facebook da Jadwiga, che ha spiegato come procedere, ossia facendo semplici catenelle: “Punti alti e punti bassi”. L’ideatrice si è anche resa disponibile per eventuali e maggiori spiegazioni e ha offerto i primi 10 gomitoli di cotone, insieme a Steno Dieci.

Ora i morbidi giochini sono quasi pronti. È giunto il momento di consegnare il lavoro e se qualcuna non riesce a finire, ci pensa Jadwiga. Alla fine ogni pezzo viene controllato, disinfettato e confezionato. “Pensavo di consegnare il tutto fine mese”. A breve contatterà il Gaslini per stabilire il giorno preciso della consegna. Su Facebook ci sono già i ringraziamenti: “Grazie a tutte quante si sono impegnate per il progetto Gaslini con tanto entusiasmo, dedizione e amore chiudiamo tutto il giorno 20 di maggio”.

Rosa Cappato

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium