/ Politica

Politica | 20 maggio 2022, 15:21

Funivia di Begato, sabato 28 maggio il corteo del comitato 'Con i piedi per terra'

"Una manifestazione volta ad accendere il faro su un progetto urbanistico del Comune di Genova che andrebbe a intaccare il territorio in più parti"

Funivia di Begato, sabato 28 maggio il corteo del comitato 'Con i piedi per terra'

"Il comitato “Con i piedi per terra” organizza per sabato 28 maggio il  corteo contro il progetto di funivia che collegherà la Stazione Marittima con la zona dei Forti – stazione di arrivo previsto presso Forte Begato - sorvolando il quartiere del Lagaccio.  
Una manifestazione volta ad accendere il faro su un progetto urbanistico del Comune di Genova che andrebbe a intaccare il territorio in più parti. Il corteo mostrerà il tracciato e i luoghi in cui secondo gli ideatori del progetto dovrebbero sorgere piloni alti più di 70 metri per la realizzazione  di ciò che definiamo un vero e proprio “ecomostro”.  

Il comitato nasce da un gruppo di abitanti del quartiere che ha incominciato a interrogarsi sul  futuro delle proprie vite e delle proprie abitazioni quando il progetto, a quanto pare imminente,  verrà realizzato.  

Si tratterebbe di una costruzione che andrebbe a intaccare il territorio di Lagaccio e di  conseguenza il tessuto sociale delle famiglie che vivono nel quartiere da generazioni.  Esaminando infatti i documenti a disposizione del gruppo, sono diverse le ragioni del comitato  contro la costruzione della funivia:  

Vivibilità del quartiere: la funivia sorvolerà un quartiere con la densità abitativa tra le più alte di  Genova. I piloni saranno inseriti nel contesto urbano. Le cabine sorvoleranno le abitazioni e le  strade. Oltre all’impatto visivo si teme un impatto acustico. Gli abitanti hanno tutt’altra idea del quartiere e del suo tessuto sociale: un luogo da abitare e da  vivere e non da sorvolare.

Costi: i costi dell’opera, inizialmente preventivati in circa 25 milioni, sono aumentati, in un primo  momento, a 35 milioni di euro; ad oggi è previsto un ulteriore aumento a 40 milioni. L’aumento  dei costi riduce sempre di più la cifra destinata alla riqualifica del Parco delle Mura. Inoltre non si conoscono i costi di manutenzione né chi li sosterrà.  

Nella relazione tecnica (documentazione ufficiale del bando di gara) si ipotizza un flusso di 2000  persone l’ora, un dato così chiaramente sovradimensionato da apparire surreale. In questi giorni,  in via ufficiosa, questa affluenza è stata ridotta ad almeno 800, contraddizione rispetto alla cifra  iniziale che getta ulteriori ombre sugli studi iniziali e sui piani di rientro dell’investimento.  

Idea della città: l’idea di costruire un’opera di queste dimensioni a beneficio del turismo  crocieristico e a discapito della cittadinanza risponde ad una logica di sviluppo locale miope e di  corto respiro. Il turismo da crociera arricchisce solo le aziende del settore ma non porta ricchezza  alla città.

Nessuna partecipazione pubblica: l’Assessore ai Lavori pubblici ha dichiarato  pubblicamente che 'nessuno è legittimato a parlare del progetto', il che va a dimostrazione di ciò che intende realmente quando parla di partecipazione e confronto con i cittadini.

«La funivia del Lagaccio non tiene conto delle vere esigenze del quartiere che, anziché essere  coinvolto in un’azione di rilancio, viene letteralmente sorvolato», denuncia un Portavoce di “Con i  piedi per terra”. «Il no che esprimiamo non è un rifiuto cieco, arroccato nella difesa del proprio  angolo privato ma, al contrario, è la manifestazione di un’esigenza sentita dagli abitanti che vuole  il benessere e la salute delle persone al primo posto».

Il Comitato ricorda che i fondi ministeriali hanno tutt’altra finalità: la funivia si inserisce nel più  ampio progetto di “riqualificazione del parco dei forti e delle mura” ma assorbendo da sola più del  50% dei finanziamenti rende impossibile una reale riqualificazione del parco stesso. Viene  giustificata per “consentire l’accesso al parco” quando gli accessi già ci sono: cremagliera Principe  Granarolo - funicolare Zecca Righi - trenino di Casella.

L’appuntamento per il corteo contro l’ecomostro sarà sabato 28 maggio alle 18,00 in via Fanti  d’Italia a Principe. Da lì si proseguirà per il Lagaccio per concludersi davanti all’ex Caserma  Gavoglio, percorrendo proprio il tragitto di funivia che passerà sopra le case del quartiere".

Redazione


SPECIALE ELEZIONI 2022 - GENOVA
Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova in vista delle elezioni 2022 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium