/ Politica

Politica | 22 settembre 2022, 11:07

Carenza di operatori sanitari, Massimo Nicolò (FDI): "un serio problema che va affrontato, porteremo avanti le nostre proposte"

Il responsabile regionale della Sanità di FdI Massimo Nicolò interviene dopo l’allarme lanciato da Anaste

Carenza di operatori sanitari, Massimo Nicolò (FDI): "un serio problema che va affrontato, porteremo avanti le nostre proposte"

Il grido di allarme lanciato da Anaste la scorsa settimana non è caduto nel vuoto e il dipartimento di Fratelli d’Italia che si occupa di sanità ha analizzato il problema e portato delle soluzioni a spiegarle è il responsabile ragionale il Prof. Massimo Nicolò, già vicesindaco e assessore alla salute del Comune di Genova, che dichiara: “l’appello fatto da Anaste durante il convegno della scorsa settimana è stato chiaro le RSA, ma possiamo dire tutto il comparto dell’assistenza agli anziani nelle sue varie forme, ha un esigenza di personale infermieristico ed OSS che possa sostituire quello che è stato assorbito dal SSN durante e nel post pandemia. La soluzione a questo problema non si può più rimandare e per questo porteremo delle proposte che possono affrontare e risolvere il problema nelle sedi istituzionali opportune”.

Le proposte di cui parla il professor Nicolò derivano dall’ascolto delle categorie coinvolte e dalla conoscenza che il dipartimento sanità ha della materia per esperienza diretta dei suoi componenti e sono: aumentare il numero di posti per infermieri che ogni anno entrano nella scuola universitaria di infermieristica; derogare dal vincolo della esclusività consentendo agli infermieri assunti in ospedale di poter lavorare al di fuori dell’orario di lavoro in altre strutture sanitarie come le RSA; favorire il tirocinio degli studenti della scuola di infermieristica nell’ambito delle RSA.

“A queste proposte, che porteremo nei tavoli istituzionali opportuni e nelle commissioni sanità di Regione e Parlamento, aggiungiamo che ci faremo parte diligente nei confronti di regione Liguria affinché stanzi finanziamenti adeguati per la formazione di OSS e non soltanto per la formazione complementare in assistenza sanitaria dedicata a chi è già OSS – spiega il professor Massimo Nicolò che prosegue – perché comprendiamo che il problema sia esiziale per la cura e la tutela degli anziani che sono ospiti degli istituti e delle famiglie che chiedono maggiori sicurezze per i loro cari. Va ricordato che durante la crisi sanitaria dovuta al Covid gli ospiti ed il personale delle RSA sono state particolarmente colpiti con restrizioni ancora più severe dovute all’abbattimento di ogni tipo di rischio. Un esempio per tutti è il fatto che gli ospiti delle strutture non abbiano potuto avere contatti con i familiari e con i propri cari per tantissimo tempo”.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium