/ Municipio Medio Levante

Municipio Medio Levante | 07 novembre 2022, 16:00

Chiude il chiosco del maggiordomo di quartiere di piazza Palermo, ira degli abitanti

Il servizio è aiuto materiale, ma anche ascolto, sicurezza, empatia e rapporto di amicizia col quartiere, molti sperano che il chiosco continui la sua attività

Chiude il chiosco del maggiordomo di quartiere di piazza Palermo, ira degli abitanti

Dal 16  novembre, il chiosco di Piazza Palermo che ospita il maggiordomo di quartiere non sarà più operativo.

Gli abitanti del quartiere esprimono dispiacere per la perdita di quello che è risultato essere un servizio molto importante, specialmente per le tante persone anziane residenti che hanno la possibilità di chiedere un aiuto concreto per le piccole incombenze quotidiane (insormontabili se si è soli e non in buona salute) quali ad esempio la consegna di medicinali, della spesa, della posta o pacchi da ritirare all’ufficio postale, pagamento bollettini, informazioni sulle attività commerciali del quartiere ecc.

Oltre alla praticità di un simile servizio a turbare il quartiere è anche la perdita di quello che è il valore aggiunto, il contatto umano con gli operatori che si prodigano con professionalità ed empatia prima ancora che a risolvere, ad ascoltare i piccoli problemi e disagi quotidiani, elargendo consigli o parole di conforto ed incoraggiamento, un importantissimo gesto per soggetti fragili che si sentono così meno soli e abbandonati. 

Ancora il chiosco, ricordano gli abitanti fa anche da piccola biblioteca gratuita e spazio di scambio di libri, aperta a tutti e ben fornita di libri dei generi sono i più disparati, compresa una sezione dedicata ai bimbi di ogni età, molto utile e richiesta dagli scolari delle scuole di Piazza Palermo. Una piccola oasi in questo periodo di grave crisi economica, dove anche l’acquisto di un libro può essere una spesa non sostenibile per molte famiglie. 

Infine gli operatori attuano anche una sorta di controllo del territorio, segnalando alle forze dell’ordine eventuali atteggiamenti sospetti o violenti specialmente in prossimità degli istituti scolastici.

Aiuto, ascolto, sicurezza, ed empatia, tutti valori importanti e non monetizzabili, intrecciati in quello che diventa nel tempo un rapporto di amicizia vero e proprio con gli abitanti, molti dei quali si augurano di trovare il chiosco aperto ed operativo il 16 novembre.

Federico De Salvo

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium