/ Genova

Genova | 22 novembre 2022, 15:42

Panettoni contro la violenza, l'iniziativa dei Lions per il progetto dell'ospedale Galliera

Le offerte raccolte con la vendita dei panettoni contribuiranno al progetto Ginestra dell'ospedale Galliera per la presa in carico di vittime di violenza che accedono al pronto soccorso

Panettoni contro la violenza, l'iniziativa dei Lions per il progetto dell'ospedale Galliera

Panettoni benefici dei Lions per il progetto “Sostegno contro la Violenza: Donne, Anziani, Minori” dell’ospedale Galliera di Genova. Nella settimana che porta alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne ecco l’iniziativa del Lions Club Genova Aeroporto “Sextum” con il supporto di Regione Liguria.

Nelle prossime settimane, in prossimità delle festività natalizie, i volontari Lions saranno presenti in diversi punti della città per la raccolta di fondi, elargiti con un minimo di 20 euro, che verranno ringraziate con un panettone di alta pasticceria artigianale.

Paolo Cremonesi, direttore del dipartimento di Emergenza dell'ospedale Galliera spiega: "E’ una bellissima iniziativa, dobbiamo ringraziare i Lions Aeroporto Sextium che hanno avuto questa bellissima idea che poi, grazie all’auto del signor Vincenzo Drago che ha un’importante azienda, siamo riusciti a lanciare questa iniziativa che ha uno scopo molto importante.

L’ospedale Galliera, l’ospedale al centro della città, ha un numero molto alto di donne, e anche qualche anziano, vittime di violenza. Poter dare un servizio sempre migliore alla città, alle persone che subiscono violenza, alle donne che subiscono violenza, è assolutamente un nostro obiettivo.

Avere fondi in più da investire in formazione, attrezzatura, borse di studio per psicologi è per noi un elemento molto importante. Grazie davvero per questa bellissima iniziativa e soprattutto saranno le donne o le persone che subiscono violenza ad avere più servizi, migliori servizi, nell’ambito delnostro pronto soccorso".

 

Domenico Farinetti, presidente del Lions Club Aeroporto Sextum aggiunge: "In primo luogo voglio ricordare che i Lions Club Aeroporto Sextum ha riposto a questo appello perché si fanno congressi, convegni, però, purtroppo il problema continua a essere presente con le sue devastanti conseguenze quindi abbiamo pensato di intervenire su chi è vittima.

Giovedì 24 saremo presenti a Sestri Ponente, a palazzo Fieschi, dopodiché saremo presenti nell’atrio principale dell’ospedale Galliera martedì 29 e martedì 6 e martedì 13 dicembre, saremo presenti al Mercatino di San Nicola dal 3 al 6 dicembre e saremo presenti a Sestri l’8, il 9 e l’11 dicembre.

Queste sono le prime date che abbiamo definito, poi probabilmente ne troveremo delle altre e le comunicheremo".

 

"Sono circa 2.200 le persone, in particolare quasi tutte donne, che si rivolgono al nostro pronto soccorso all’anno per asserita violenza - continua ancora Cremonesi - le nostre psicologhe hanno fatto circa 3.200 colloqui in un anno perché le persone vengono sentite e assistite più volte.

Ancora, questo dato però, non comprende le cosiddette sospette violenze o violenze non dichiarate o sottese che, guardando il dato nazionale, corrispondono a tre o quattro volte il numero delle violenze dichiarate. Noi sono quasi 10 anni che offriamo questo servizio al pronto soccorso del Galliera e siamo l’unico ospedale della regione che ha le psicologhe presenti in pronto soccorso dalle 8 del mattino alle 18 e il sabato fino alle 14.30.

Questo ci permette di isolare subito le persone vittime di violenza o con sospette vittime di violenza e poterle avviare immediatamente a un percorso più protetto rispetto al grande sovraffollamento del pronto soccorso dove la psicologa ha modo di parlare, di informare la donna, di avviare un percorso di colloqui successivi o, nei casi più gravi e purtroppo ce ne sono, di utilizzare tutte le strutture dell’ospedale. Per esempio nei casi di violenza sessuale si lavora insieme ai ginecologi, ai laboratori analisi e quant’altro. In più, permette di avviare queste donne che non possono rientrare a casa o a un ricovero breve in ospedale per poi essere avviate nelle strutture protette, nelle case protette che sono ancora purtroppo in numero non sufficiente nella nostra realtà genovese vista l’entità del fenomeno".

 

Presente anche l'assessore alla Sanità di Regione Liguria Angelo Gratarola: "La violenza non è mai lo strumento di risoluzione dei contenziosi, poi quando questa viene utilizzata contro le frange più deboli, più indifese, diventa davvero un reato odiosissimo.

Fermarsi a riflettere, fare queste manifestazioni, in qualche modo scuotere un po’ quelle che sono le coscienze di fronte a un problema è molto più grande di quanto noi ancora conosciamo, è davvero importante, quindi grazie agli amici del Lions, grazie all’ospedale Galliera che si è fatto, già tanti anni fa, promotore di questo argomento e lo ha portato anche alla sua applicazione clinica, cioè il pronto soccorso. Questo fatto ha contaminato in senso positivo anche altri ospedali che stanno anche loro avvicinandosi a una sorta di percorso rosa. Non si tratta semplicemente di curare delle persone ferite quando giungono in pronto soccorso vittime di violenza ma qualcosa di più, una presa in carico anche di tipo prisoclogico, un sostegno per quello che è accaduto e per leggere come mai si è arrivati al fenomeno violenza soprattutto dare supporto anche per il post, cioè per evitare queste donne una volta curate ritornino nello stesso ambiente dove il rischio rimane lo stesso. E’ un progetto importante, ma è un dovere civico: una società come la nostra non può girare la testa di fronte a questo problema. Non può essere indifferente, va gridato in tutti i modi in tutte le piazze perché è un segno di grande civiltà".

 

"Ci sono diverse iniziative, complice anche il fatto che non siamo più in emergenza pandemica riusciamo a fare tantissimi incontri - aggiunge l'assessore alle Pari Opportunità Simona Ferro e la risposta corale che riceviamo da istituzioni e aziende, da operatori sanitari, da strutture ospedaliere è molto molto commovente.

Oggi ci presentiamo qui per questo evento bellissimo, è un progetto, un programma la cui paternità è in capo al prof Paolo Cremonesi dell’ospedale Galliera e che vuole grazie al contornato minimo di 20 euro regalare un panettone a chi, generosamente da un proprio apporto a questo progetto di riuscire a combattere la violenza non soltanto sulle donne, ma anche sui bambini e sugli anziani, chi è veramente indifeso.

Come assessore sono veramente lieta di essere qui a presentare questo progetto. I vari panettoni della Drago forneria, verranno venduti in vari punti che saranno indicati sul sito di Drago e ci sarà anche una vendita al Mercatino di San Nicola. Ci aspettiamo che tutta la cittadinanza sia veramente molto generosa e voglia contribuire a questo virtuoso progetto".

L’Ospedale Galliera è l’unico in Liguria ad avere attivato dal 2010 un progetto di accoglienza (Progetto Ginestra) e presa in carico delle vittime di violenza che accedono in Pronto Soccorso. Tale iniziativa garantisce la presenza della psicologa, come figura dedicata al tema della violenza e delle categorie vulnerabili. Nel 2014 gli accordi tra l’E.O.Ospedali Galliera e WeWorld, tramite il Progetto SOStegno Donna hanno rafforzato la prevenzione e il contrasto al fenomeno della violenza nei confronti delle donne che accedono al Pronto Soccorso, consolidando la presenza di due psicologhe a orientamento psicoanalitico preposte all'accoglienza del vissuto traumatico della donne maltrattate, all’interno di rapporti intimi, familiari e amicali. 

Nel 2021 sono stati effettuati dalle psicologhe del Pronto Soccorso del Galliera 3.150 colloqui a vittime di violenza non solo donne, ma anche minori, anziani e disabili. Nel 2022 è stato rinnovato il protocollo interistituzionale, sottoscritto l’8 marzo 2018 anche dal Galliera, per la prevenzione ed il contrasto della violenza nei confronti di donne, minori e persone vulnerabili (portatori di handicap ed anziani) nella regione Liguria "inRete contro la violenza", la cui missione prioritaria è l’emersione dei fatti di violenza ai danni di donne, minori e persone vulnerabili. Le persone possono accedere direttamente al triage del Pronto Soccorso (h. 24) o essere inserite nell'iter diagnostico dopo un primo contatto con le psicologhe. Le professioniste sono presenti in Pronto Soccorso tutti i giorni, tranne i festivi, dalle ore 8 del mattino alle ore 18. Il sabato dalle ore 8 alle ore 14.30. 

 

Dove trovare i panettoni

 

-24 novembre Sestri Ponente Palazzo Fieschi ( dalle 15 alle 19)

-29 novembre Atrio Ospedale Galliera (dalle 9.30 alle 16.00)

-dal 3 al 6 dicembre Mercatino San Nicola

-6 dicembre atrio Ospedale Galliera (dalle 9.30 alle 16.00)

-8-9-11 dicembre Sestri Ponente, piazza Ranco (dalle 9 alle 18)

-13 dicembre atrio Ospedale Galliera (dalle 9.30 alle 16.00)

 

 

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium