/ Attualità

Attualità | 14 giugno 2023, 07:30

Lutto nazionale per Silvio Berlusconi, scelta opportuna? Politica e genovesi divisi (Video)

Abbiamo chiesto un’opinione sulla decisione del governo di proclamare il lutto nazionale. Oggi i funerali di stato alle 15 in Duomo a Milano

Lutto nazionale per Silvio Berlusconi, scelta opportuna? Politica e genovesi divisi (Video)

Oggi si tengono a Milano i funerali di Stato di Silvio Berlusconi, quattro volte premier, fondatore di Fininvest e Mediaset, ex presidente del Milan e ideatore di Forza Italia.

Ieri a Genova le aule del consiglio regionale e comunale, con l’inasprirsi dello scontro politico tra maggioranza e opposizione, si sono accese come non mai. Al centro del dibattito la legittimità o meno di ricordare in aula il Cavaliere.

(Vedi gli articoli: Omaggio a Berlusconi, lo scontro della politica regionale: “Siamo ritornati agli anni di piombo” e Minuto di silenzio per Berlusconi, polemiche anche in consiglio comunale: due consiglieri abbandonano l’aula).

Una scelta in particolare ha diviso sia la politica locale che quella nazionale: la decisione da parte del governo Meloni di indire il lutto nazionale. Mentre infatti i funerali di Stato sono una consuetudine in questi casi, il lutto nazionale rappresenta un unicum. È la prima volta che viene deciso per un ex premier.

Abbiamo chiesto dunque ai genovesi che opinione avessero a riguardo: è giusto indire il lutto nazionale per omaggiare Silvio Berlusconi?

“Poi magari lo beatificano pure - ironizza un signore - Mi sembra un po’ eccessivo. Non è stato un così grande personaggio ma a me sta bene anche così. Non mi scandalizza questa decisione ma mi sembra eccessiva”.

È una scelta giusta perché è un personaggio che ha marcato la linea politica negli ultimi 30 anni - dice un giovane - Aldilà di tutto è una persona politica importante nel panorama politico italiano”.

Secondo la giurisprudenza (legge n. 36 del 7 febbraio 1987) i funerali di stato sono riservati a diverse figure istituzionali come gli ex presidenti della Repubblica, gli ex primi ministri, i ministri che sono morti quando ancora ricoprivano tale carica, le vittime di terrorismo più in generale le persone che hanno reso onore alla nazione. In tutti questi casi i funerali sono a carico dello stato.

“Mi sembra esagerato - aggiunge un genovese - Avrà fatto qualcosa di importante ma addirittura arrivare a questo livello non so come commentarlo. È stato un primo ministro come tanti altri, perché gli altri non hanno avuto questo stesso trattamento?! Lui ha avuto molte luci e ombre, più ombre che luci”. 

“Non credo che sia giusto - commenta una signora - Non mi sembrava una persona così eccezionale per arrivare a fare un lutto nazionale. Può darsi che gli spetti, non saprei, ma rimane una figura molto controversa”.

La decisione del lutto nazionale prevede le bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici con la presenza delle strisce nere su ogni bandiera. Anche la politica si ferma: ogni attività istituzionale, gli impegni pubblici di tutti i rappresentanti politici, le attività in Senato e alla Camera.

“L’idea non mi piace moltissimo ma va bene lo stesso - dice un altro - Dal punto di vista personale la sua parte politica non mi è mai piaciuta, grande rispetto invece per la parte professionale e industriale. Sono però due cose ben distinte che tengo separate: il grande rispetto professionale e il giudizio politico molto negativo. Il lutto nazionale è un po’ esagerato però, dato il ruolo che ha avuto, non mi scandalizza”.

“Io sono d’accordo perché lui è stato un imprenditore, una grande persona, ha dato da mangiare a un sacco di gente - conclude un signore - Mi è dispiaciuto che sia morto, poverino. Per me è una scelta giusta”.

Marco Garibaldi


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium