/ Politica

Politica | 08 settembre 2023, 12:56

Caro energia, il ministro Pichetto Fratin a Genova: "Tranquilli per aspetto quantitativo, i costi dipendono dal contesto geopolitico"

"Entro il 2050 solo energia rinnovabile, nel frattempo puntare sul gas, fossile meno inquinante"

Caro energia, il ministro Pichetto Fratin a Genova: "Tranquilli per aspetto quantitativo, i costi dipendono dal contesto geopolitico"

Oggi a Genova si è svolto l’evento conclusivo della terza edizione della Genova Summer School, dedicata quest’anno a “Strumenti e modelli per la transizione energetica: le Comunità energetiche rinnovabili”.

Sul tema è intervenuto il  ministro Gilberto Pichetto Fratin che ha tenuto una lectio magistralis nei locali dell’Albergo dei Poveri alla presenza del rettore dell’Università di Genova Federico Delfino, del presidente Giovanni Toti e del sindaco di Genova Marco Bucci.

A margine dell’evento, Pichetto Fratin ha parlato della situazione costi energetici dopo le problematiche dello scorso inverno: 

Sotto l’aspetto quantitativo possiamo sentirci abbastanza tranquilli, siamo al 92% di quella che è la previsione di stoccaggio, la più alta d’Europa. 

Per quanto riguarda i prezzi, chiaramente dipende dal contesto geopolitico mondiale: è difficile da decifrare e gli effetti di quello che succede si ripercuotono ovunque. 

La speranza è quella che non ci siano più dei prezzi a 330 dollari al megawattora come lo scorso anno”.

Due terzi della nostra energia elettrica proviene da fonti fossili: una scelta che è stata fatta quarant’anni fa insieme a quella di abbandono del nucleare. Ci siamo approvvigionati di gas dalla Russia negli ultimi anni. L’obiettivo è quello di arrivare al 2030 ribaltando i rapporti: dobbiamo arrivare ad avere due terzi di energia rinnovabile e un terzo da fossili per poi arrivare a zero nel 2050. 

Occorre fare in modo che quel terzo che deriva da fossile non sia più carbone o petrolio ma che sia gas, che è sempre un fossile ma il meno inquinante”. 

Per quanto riguarda il nucleare, il ministro ha spiegato che si tratta di una valutazione di lungo periodo: “Le prime soluzioni potranno arrivare  tra una decina di anni, andando avanti nella ricerca e nella sperimentazione. Il nucleare da fusione, che è il nostro obiettivo, sarà disponibile secondo la comunità scientifica nei prossimi 30-40 anni”.

Chiara Orsetti


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium