/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2023, 08:00

Meraviglie e leggende di Genova - Quella statua di Sant’Antonio tornata al suo posto a furor di popolo

È uno dei simboli di via degli Orefici, ma nel 1864 l’effigie sparì, sostituita dall’insegna di un bottegaio. Ecco come andò a finire

Meraviglie e leggende di Genova - Quella statua di Sant’Antonio tornata al suo posto a furor di popolo

La mattina dell’8 giugno del 1864 i residenti e i passanti della zona di via Orefici si svegliarono con una amara sorpresa: la statua di Sant’Antonio, nell’edicola del palazzo posto all’angolo tra la via e quello che oggi è vico Conservatori del Mare, era sparita.

Tra gli sguardi increduli dei presenti, al posto dell’effigie del santo, era spuntata l’insegna di un negozio. 

Un vociare sempre più alto iniziò a levarsi da ogni vicolo: che fine aveva fatto la statua?

A compiere il misfatto, sfruttando i favori della notte, fu un bottegaio che aveva la sua attività poco distante e che decise di sostituire Sant’Antonio con l’insegna del suo negozio.

Una scelta che suscitò subito decine di reazioni contrarie, tanto che anche i rappresentanti della Corporazione degli Orefici, a cui apparteneva la statua, si prodigarono perché il simulacro tornasse immediatamente al suo posto.

Anche i giornali raccontarono quanto stava avvenendo e le autorità, chiamate a intervenire, diedero torto ai commercianti: l’ardito bottegaio fu costretto a risistemare la statua nella sua edicola.  

Quando Sant’Antonio tornò al suo posto, la folla commossa tornò a radunarsi davanti all’effigie del santo, riprendendo l’antica abitudine di passare per affidargli preghiere e pensieri.

Isabella Rizzitano

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium