/ Attualità

Attualità | 11 giugno 2024, 12:55

Sette nuove botteghe storiche e cinque locali di tradizione, il commercio genovese diventa sempre più ‘storico’

Le imprese del territorio annoverate nello speciale elenco diventano centotre, il 5 luglio la cerimonia di nomina. Ecco quali sono

Sette nuove botteghe storiche e cinque locali di tradizione, il commercio genovese diventa sempre più ‘storico’

Sono 12 le attività commerciali e artigianali che entrano nello speciale Albo delle Botteghe storiche e Locali di Tradizione del Comune di Genova, come deciso dall’apposita Commissione di cui fa parte il Comune-Assessorato al Commercio, la Camera di Commercio, il segretariato ligure del Ministero della cultura e le Soprintendenze e le associazioni di categoria del commercio (Ascom, Confesercenti) e artigianato (Cna e Confartigianato).

Le nuove Botteghe storiche sono 7: farmacia Giusto di via Bruno Buozzi 59r, Genova; Trattoria del Parroco via Righetti 2-4-6 r, Genova; ristorante Vittorio al mare di via Belvedere Edoardo Firpo 1, Genova; trattoria La Ruota di via Oberdan 213-215r, Genova Nervi; Les Gourmandises via Sapello 26/28r, Genova; Albergo Nazionale di via Gallino 25r, Genova Pontedecimo e Panarello, via Galata 67r, Genova.

Cinque, invece, i nuovi “Locali di Tradizione”: gelateria Chicco di via Oberdan 120r, Genova Nervi; Bar Buzzi, via Celesia 134r, Genova Rivarolo; alimentari Nicora, via Struppa 334/336r, Genova; libreria San Paolo di piazza Matteotti 31/33r, Genova e gioielleria Natoli, via XX Settembre 137r, Genova.

Salgono quindi a 70 le Botteghe storiche e 33 i Locali di tradizione per un totale di 103 imprese riconosciute nell’Albo.

«Le Botteghe storiche e i Locali di tradizione sono sempre di più a Genova, non soltanto nel nostro centro storico, ma in tutto il territorio, segnale di grande fermento e di attenzione costante al tema della tradizionalità e storicità dei nostri esercizi. Sostenere quello che per noi è il cuore del tessuto commerciale genovese è una delle priorità di questa Amministrazione, per la quale tanto abbiamo lavorato e che è frutto della collaborazione con il sistema camerale, che ringrazio. Le attività storiche e di tradizione meritano una particolare attenzione perché rappresentano la nostra storia e cultura e anche quella creatività genovese amata e apprezzata in tutto il mondo. La tutela da un punto di vista legislativo ne riconosce centralità e valore e ci mette nelle condizioni di porre in campo tutte quelle azioni concrete in grado di preservare questo patrimonio, valorizzarlo e tramandarlo alle generazioni future» dichiara l’assessore al Commercio del Comune di Genova Paola Bordilli

«Continua il lavoro di squadra delle istituzioni e delle associazioni di categoria del commercio e dell’artigianato per la certificazione delle Botteghe storiche e dei Locali di tradizione di Genova, che superano quota 100 e si confermano un elemento di grande attrazione sia per i cittadini che per i visitatori della nostra città, sempre più attenti all’autenticità dei luoghi, delle persone e dei prodotti» dichiara Luigi Attanasio, presidente Camera di Commercio di Genova.

Il 5 luglio alle 10,30 nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi si terrà la cerimonia di nomina di queste attività e di altre 10 (6 botteghe storiche e 4 locali di tradizione) approvate in una precedente Commissione tenutasi lo scorso 15 dicembre

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium