/ Attualità

Attualità | 17 gennaio 2019, 13:24

Semaforo giallo troppo breve prima del rosso: la multa si paga lo stesso

I giudici della Cassazione hanno stabilito che la sanzione per essere passati con il rosso è valida anche se la luce gialla ha una durata molto breve

Semaforo giallo troppo breve prima del rosso: la multa si paga lo stesso

Quando si è alla guida, e si incontra un semaforo con la luce gialla accesa, bisogna arrestare la propria marcia, e se si decide di non mordere il freno la multa è dietro l'angolo. Non è infatti possibile ricorrere contro una sanzione sostenendo che la luce gialla rimane accesa troppo brevemente per consentire una frenata in sicurezza prima del rosso, visto che nessuna norma prevede tale tempistica in maniera puntuale. La sanzione sarà comunque da pagare.

Questo in sostanza quanto sostenuto dalla Corte di Cassazione nei giorni scorsi, in occasione del ricorso presentato da un'automobilista per una multa rimediata nel Comune di Bologna. L'automobilista, sanzionato per essere passato con il rosso, ha sostenuto che la luce gialla era rimasta accesa troppo poco per consentirgli di frenare in sicurezza, chiedendo al tribunale del capoluogo dell'Emilia Romagna un annullamento del verbale. Il caso è finito quindi in Cassazione, dove la multa è stata definitivamente confermata.

I giudici hanno chiarito che al segnale giallo di un semaforo “il conducente è tenuto a rallentare e a predisporre il veicolo all’arresto”, comunque prima del rosso, anche se si rischia di essere tamponati. La Corte ha inoltre aggiunto che: "Se dagli accertamenti tecnici risulta un regolare funzionamento del sistema di segnalazione luminosa, dedurre l’insufficiente durata della luce semaforica gialla di avvertenza non è sufficiente per escludere la sanzione amministrativa per violazione della segnaletica stradale”.

In effetti il tema era già stato oggetto di dibattito proprio presso la Cassazione negli scorsi anni, quando la Corte aveva quantificato in 3 secondi il periodo opportuno di accensione del segnale giallo. Una quantità di tempo che era stata considerata congrua anche alla luce del parere di Ministero dei trasporti e Cnr. Quest'ultima sentenza sembra interpretare il codice in maniera più stringente rispetto a quanto fatto fino ad ora: è quindi ulteriormente sconsigliato fare i "furbi" cercando di passare a giallo già scattato, a meno di non essere disposti ad essere sanzionati.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium