/ Cronaca

Cronaca | 22 novembre 2019, 17:24

Cancelli chiusi all’arrivo della Navebus, il caso “approda” in Consiglio comunale

Interrogazione di Lorella Fontana (Lega) dopo le polemiche sui social network: “Chiedo chiarimenti, le persone hanno dovuto scavalcare”. Amt spiega: “L’azione è stata fatta dal Municipio, noi non abbiamo neppure le chiavi”

Cancelli chiusi all’arrivo della Navebus, il caso “approda” in Consiglio comunale

Un incidente di percorso. E un impegno massimo affinché non si verifichino più episodi simili. Lo scorso 14 novembre, all’attracco della Navebus al Molo Archetti di Pegli, i passeggeri hanno trovato il cancello chiuso e sono stati costretti a scavalcare per raggiungere la delegazione. Ne è dato un forte disagio prima, e un caso politico poi, che ha spinto la consigliera comunale Lorella Fontana, capogruppo della Lega a Palazzo Tursi, a chiedere opportuni chiarimenti, direttamente all’assessore comunale alla Mobilità, Matteo Campora, e di riflesso ad Amt, che affida in gestione il servizio.

L’esponente del Carroccio in Sala Rossa ha utilizzato lo strumento dell’interrogazione a risposta immediata. La discussione si è svolta ieri, durante la seduta del Consiglio comunale. Tursi era, in precedenza, finita nel mirino del Municipio VII Ponente. L’assessore municipale Silvia Brocato, pegliese, aveva attaccato, definendo la Giunta Bucci “un’amministrazione da barzelletta”, in riferimento proprio all’episodio.

Parole che non sono passate inosservate, insieme alle decine di proteste arrivate dagli utenti. Ecco perché Lorella Fontana, consigliera sempre molto attenta al territorio, ha pensato di affrontare la questione, in via ufficiale, non lasciando che si limitasse unicamente al mugugno via social network. Un mugugno che, finché resta confinato in questi ambiti, rimane tanto sterile quanto inutile. Perché il fattaccio si era ormai consumato. L’obiettivo è, invece, evitare che si verifichi nuovamente, e solo un’azione di chiarezza e di definizione delle rispettive competenze può assicurare questo, al di là di ogni dubbio o conflitto.

Nel testo della sua interrogazione, Lorella Fontana scrive: “Lo scorso 14 novembre, alle ore 19,20, la Navebus ha attraccato, nonostante il Comunicato di servizio che in caso di avviso meteo per mareggiata intensa è vietato l’accesso ai moli. Il risultato è che la gente, per poter uscire, ha dovuto scavalcare lato cancello. Chiedo spiegazioni al riguardo”.

A rispondere, l’assessore comunale competente: “Il direttore generale di Amt, Stefano Pesci, riferisce che la chiusura dei cancelli di accesso al molo di attracco dell’imbarcazione adibita al servizio di trasporto pubblico Navebus non è di competenza di Amt, la quale, infatti, non è neppure in possesso delle apposite chiavi”.

Com’è, allora, che si è creato il cortocircuito? Sempre secondo l’informativa pervenuta in Comune, “questa procedura è stata attivata dal competente Municipio, a seguito della diramazione di allerta meteo. Tuttavia, in entrambe le giornate di allerta, non vi è stata alcuna segnalazione di pericolo di mareggiata, che è l’unico motivo per cui si ritiene necessaria la chiusura dei cancelli di accesso al molo. Amt è venuta a conoscenza dell’accaduto solo più tardi ed è intervenuta per ripristinare una situazione di normalità ed evitare il ripresentarsi di tali episodi”.

L’episodio lascia chiaramente intendere che, mentre ormai funziona molto bene il sistema delle allerte e della loro comunicazione, c’è ancora qualche ostacolo da superare in materia di dialogo interno tra i vari enti preposti e in materia di rispettive competenze. Non si spiega altrimenti come il Municipio possa disporre la chiusura di un cancello con un servizio di Navebus ancora operativo. Come mai azienda dei trasporti ed ente locale non si sono parlati? Ecco qui la ragione del cortocircuito. L’impegno da parte di tutti è di evitarlo in futuro. Perché errare è umano, perseverare - come dice il proverbio - è diabolico.

Alberto Bruzzone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium