/ Politica

Politica | 07 maggio 2020, 12:50

Anpi, Cgil, Arci, Libera, Comunità di San Benedetto: "L’intitolazione del porticciolo di Nervi a un convinto repubblichino è inaccettabile"

"Con questo atto si sceglie consapevolmente di equiparare chi torturava alla Casa dello studente e chi subiva la violenza, chi veniva deportato a Mauthausen come i lavoratori del 16 giugno '44 e chi li caricava sui treni, chi è stato trucidato al Righi, al Turchino, al forte di San Martino, chi come Don Bobbio è stato ucciso dopo tre giorni di violenze, e chi le ha perpetrate: questo erano i repubblichini"

Anpi, Cgil, Arci, Libera, Comunità di San Benedetto: "L’intitolazione del porticciolo di Nervi a un convinto repubblichino è inaccettabile"

"L’intitolazione del porticciolo di Nervi a Luigi Ferraro, repubblichino e incursore della decima flottiglia Mas (corpo dell’esercito alleato dei nazisti in Italia) decisa nella giornata di martedì  dal Sindaco e dalla maggioranza del Comune di Genova è un atto inaccettabile che offende la storia della Città di Genova, Medaglia d’oro al valor militare e dove i nazisti si arresero ai partigiani", si legge in apertura di un comunicato stampa firmato da Anpi Genova, Camera del Lavoro di Genova, Arci Genova, Comunità di San Benedetto e Libera Genova.

"Atto grave, a prescindere dei meriti successivi alla guerra di Ferraro, perché la storia non si cambia:  lui, sicuramente pioniere della subacquea con meriti sportivi, ma pur sempre aderente alla repubblica di Salò, scelta sempre rivendicata con orgoglio - si legge ancora nella nota stampa -. La mozione, presentata a sorpresa il 30 aprile, è stata portata ai voti nonostante le firme di oltre 7 mila genovesi che ne chiedevano il ritiro.Riteniamo grave che il Sindaco e la Giunta non ascoltino la voce di cittadini e associazioni; la scelta che si e' operata divide la città ela colpisce nel profondo della sua storia e dei suoi sentimenti. Con questo atto si sceglie consapevolmente di equiparare chi torturava alla Casa dello studente e chi subiva la violenza, chi veniva deportato a Mauthausen come i lavoratori del 16 giugno '44 e chi li caricava sui treni, chi è stato trucidato al Righi, al Turchino, al forte di San Martino, chi come Don Bobbio è stato ucciso dopo tre giorni di violenze, e chi le ha perpetrate: questo erano i repubblichini. Con quel voto e le dichiarazioni del Sindaco che mette sullo stesso piano partigiani e repubblichini, si sono equiparate torto con ragione,dittatura con libertà. A pochi giorni dalle celebrazioni per la festa della Liberazione alle quali il sindaco ha partecipato non si può stare contemporaneamente coni partigiani e con chi li combatteva.Non lo possiamo permettere, a difesa della memoria della nostra città e dei tanti uomini e delle tante donne che hanno lottato, si sono sacrificati, anche con la vita, per darci in dono la libertà e molti di loro, sopravvissuti alla guerra, si sono sempre battuti a difesa della nostra democrazia".

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium