/ Attualità

Attualità | 02 maggio 2021, 11:11

Stop ai lavori per l’accesso in spiaggia a San Giuliano, rimandati a settembre

La richiesta arriva dal presidente del Municipio VIII Medio Levante Francesco Vesco per non penalizzare ulteriormente i gestori degli stabilimenti balneari e la loro clientela

Stop ai lavori per l’accesso in spiaggia a San Giuliano, rimandati a settembre

Stop ai lavori per l’accesso in spiaggia a San Giuliano, slitta la realizzazione di una rampa d’accesso per disabili: questo l’annuncio del presidente del Municipio VIII Medio Levante Francesco Vesco che, come riferito in Consiglio municipale, ha chiesto al comune di Genova di fermare i lavori che avrebbero dovuto partire a breve creando non pochi problemi a fruitori ed attività a ridosso della stagione estiva che, nonostante la pandemia ancora in atto, si preannuncia presa d’assalto. Quest’anno probabilmente, come accaduto l’anno scorso, molte persone si riverseranno sulle spiagge, meteo ed emergenza sanitaria permettendo, per ‘respirare’ e prendere il sole: già in occasione del 25 aprile in molti si sono dati appuntamento sul litorale della città per godersi il primo tiepido sole.

Corso Italia resta tra le spiagge più gettonate, soprattutto dagli habitué che risiedono nelle vie limitrofe; la riqualificazione prevede di realizzare un nuovo accesso per disabili, una pratica e comoda rampa d’ingresso alla spiaggia libera di San Giuliano: se n’era parlato in videoconferenza alcuni mesi fa, nuovo progetto che sarà comunque realizzato sul litorale di corso Italia. Il progetto del comune di Genova si chiama: ‘Abbattimento barriere architettoniche presso il varco di accesso da Via Lungomare Lombardo alla spiaggia di San Giuliano’. “Il nostro obiettivo - spiegava il presidente del Municipio - è quello di rendere finalmente accessibile un’area che aveva bisogno d’essere risanata e riqualificata”. Il progetto, non articolato, prevede la realizzazione di una rampa d’accesso e la modifica dei manufatti presenti così da ampliare l’ingresso al litorale e realizzare anche un nuovo bagno, più consono e idoneo alle persone con difficoltà motorie.

All’iniziativa ha collaborato anche Fabio Pienovi della consulta handicap comunale di Genova che s’è detto entusiasta delle novità, la rampa del 10% di pendenza e la pedana; in ipotesi c’è anche una collaborazione con gli stabilimenti balneari limitrofi all’accesso così da poter dotare i bagnanti con difficoltà motoria delle apposite carrozzelle galleggianti, poi la passatoia e probabilmente anche gli ombrelloni. Il problema è stato il protrarsi del via ai lavori che, imminenti, avrebbero compromesso l’avvio della stagione balneare: “Per non penalizzare le attività - spiega Vesco - ho chiesto di fermare il cantiere e che venga allestito a fine stagione, è stato necessario insistere con questo fermo lavori per andare incontro alle necessità di tutti i titolari delle attività commerciali del lungomare e degli stabilimenti balneari di lungomare Lombardo. Sarebbe stato meglio partire a gennaio, non è possibile adesso, quando ancora si sarebbe dovuto aspettare quindici giorni per allestire il cantiere e successivamente poi, ancora peggio, chiudere il passaggio: una situazione improponibile”.

Il progetto è già stato approvato e finanziato, una cifra sotto i centomila euro: se ne riparla a fine stagione con un’inaugurazione la prossima estate, nel frattempo l’accesso al mare è garantito dagli stabilimenti balneari limitrofi all’ingresso che sarà riqualificato.

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium