/ Cronaca

Cronaca | 21 luglio 2021, 11:41

Ex Ilva, l'azienda sospende i lavoratori senza stipendio fino a fine turno, la rsu avvia una raccolta fondi per risarcirli (FOTO)

È successo questa mattina in seguito all'assemblea dei lavoratori in sciopero da ieri fino al 29 luglio

Ex Ilva, l'azienda sospende i lavoratori senza stipendio fino a fine turno, la rsu avvia una raccolta fondi per risarcirli (FOTO)

Acciaierie d'Italia sospende senza retribuzione per l'intera giornata lavorativa, dieci lavoratori dell'ex Ilva dei reparti ricottura e stagnatura, e la rsu organizza una raccolta fondi per far recuperare agli operai il reddito perduto.

È successo questa mattina in seguito all'assemblea dei lavoratori in sciopero da ieri fino al 29 luglio, per otto ore divise per un'ora al giorno. La reazione dell'azienda non si è fatta attendere, e a fine assemblea, alle 8, dieci lavoratori hanno trovato una lettera di messa in libertà, ovvero la sospensione dal servizio senza retribuzione fino a fine turno.

“Ce lo aspettavamo. - spiega a La Voce di Genova Armando Palombo, responsabile della sicurezza per la Cgil – L'azienda aveva già minacciato con una lettera spiegando che se non avessimo cambiato le modalità di sciopero, che secondo il loro parere poteva provocare non meglio specificati problemi di sicurezza, avrebbe valutato la messa in libertà. Dopo l'arrivo delle lettere ci siamo nuovamente riuniti e abbiamo deciso di portare avanti la protesta”.

La rsu, la rappresentanza sindacale dei lavoratori in azienda hanno fatto così scattare una raccolta fondi, una sorta di appello alla città, per poter permettere agli operai di recuperare il salario perso. Inoltre, secondo quanto riferiscono i sindacati, sarebbero pronte altre azioni di protesta che potrebbero coinvolgere tutti i metalmeccanici di Genova.

“I lavoratori dello stabilimento sono in lotta per difendere la fabbrica e l'industria di Genova contro una multinazionale arrogante e un governo incredibilmente silente nonostante gli atteggiamenti inaccettabili dell'azienda come la messa in libertà dei lavoratori. - si legge nel testo del volantino diffuso da Rsu Acciaierie d'Italia Genova e Rsu Ilva In As Genova – Chiediamo alla città di Genova, al mondo delle associazioni, a tutti i soggetti che si sentono coinvolti da questa battaglia, e vicini ai valori del mondo del lavoro, di aiutare e sostenere economicamente i lavoratori in questa lotta.

Abbiamo aperto una pubblica sottoscrizione alla quale vi chiediamo di contribuire utilizzando il conto corrente messo a disposizione dalla SMS Guido Rossa come sempre vicina ai lavoratori:

IBAN: IT84P0200801432000105050434 – Lavoratori Ilva Guido Rossa”.

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium