/ Municipio Ponente

Municipio Ponente | 28 luglio 2021, 15:30

A Pegli arrivano nuove palme in sostituzione di quelle uccise dal punteruolo

Le prime installazioni in piazza della stazione poi si proseguirà coi Giardini Peragallo e coi Giardini De André, quasi ultimata la grande aiuola centrale in piazza Bonavino

A Pegli arrivano nuove palme in sostituzione di quelle uccise dal punteruolo

In piazza Ponchielli a Pegli, ovvero la piazza della stazione ferroviaria, sono in arrivo nuovi esemplari di palme dopo che quelle precedenti, assai anziane e maestose, sono state devastate nei mesi scorsi dal terribile punteruolo rosso, l’insetto che non lascia scampo a questo tipo di vegetazione e che è molto difficile da combattere.

In questi giorni, nel luogo più centrale della delegazione, sono al lavoro i tecnici di Aster, l’azienda che si occupa di lavori pubblici e di manutenzioni per conto del Comune di Genova, per rimuovere i tronchi delle vecchie palme e per impiantare le nuove. Ieri mattina sono comparsi i primi due esemplari: niente a che vedere con le splendide palme di un tempo, di cui rimane traccia solamente nell’aiuola centrale, ma almeno un po’ di arredo urbano è salvo, in quel punto che è diventato molto di transito non solo per i residenti, ma anche per i numerosi turisti che vengono a visitare il Parco storico di Villa Pallavicini.

Intanto, ieri in Consiglio Comunale, si è parlato proprio del ‘ripopolamento’ degli alberi a Pegli, grazie a un’interrogazione a risposta immediata (ex articolo 54) che il capogruppo in Sala Rossa di Italia Viva, Mauro Avvenente, ha presentato alla Giunta Bucci.

Secondo Avvenente, “i danni provocati dal punteruolo rosso hanno provocato, nei mesi scorsi, l’abbattimento di molte palme”. E ha citato non solo piazza della stazione, ma anche i Giardini Peragallo e i Giardini De André. “Chiedo - ha affermato Avvenente, che è stato presidente del Municipio VII Ponente durante la precedente legislatura - quale sia il piano di ripiantumazione del Comune, con riferimento particolare ai Giardini Peragallo, ai Giardini Fabrizio De André e in piazza Ponchielli a Pegli”.

A rispondere al consigliere di Italia Viva è stato l’assessore comunale con delega ai Lavori Pubblici, Pietro Piciocchi: “Il problema purtroppo è noto ed è un’emergenza del verde della nostra città, e per gestirla ci siamo attrezzati. In riferimento ai contesti citati, i progetti per la sostituzione delle palme, sia per piazza Ponchielli che per i Giardini Peragallo, sono stati mandati alla Soprintendenza. In piazza Ponchielli le palme saranno sostituite con esemplari della varietà Washingtonia, mentre ai Giardini Peragallo con palme della varietà Phoenix. Le risorse ci sono e nella variazione di bilancio di maggio abbiamo previsto un’integrazione consistente per il piano di sostituzione del verde. Non appena ci sarà l’autorizzazione, procederemo”.

Intanto, sempre a livello di verde pubblico, sono in fase di ultimazione i lavori all’aiuola centrale di piazza Bonavino a Pegli, per i quali si è speso moltissimo il Comitato Pegli Bene Comune, d’intesa con il Municipio VII Ponente. Dopo un intervento per eliminare le erbe infestanti, pur senza l’utilizzo di prodotti chimici e anzi utilizzando esclusivamente prodotti di tipo naturale, sono stati collocati i nuovi decori floreali: le ‘mosaiculture’ sono costituite da rose, piante stagionali e canna indica. Un trattamento antioidico sulla bordatura esterna è già stato eseguito nelle scorse settimane, sempre da Aster, e pure questo su invito del Municipio VII Ponente, che ha raccolto le segnalazioni dei cittadini.

L’aiuola centrale di piazza Bonavino fiorita risale alla notte dei tempi: nel 2001, quando venne restaurata la facciata esterna di Villa Doria, tutto il prato esterno fu decorato, poi nel periodo successivo fu lasciato a un colpevole abbandono.

Alberto Bruzzone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium