/ Politica

Politica | 27 settembre 2021, 09:31

Referendum cannabis, anche Genova tra i comuni inadempienti diffidati dai promotori

In totale in Liguria sono 56, 14 nel genovese, 15 in provincia di Imperia, 21 in provincia di Savona e 6 nello spezzino

Referendum cannabis, anche Genova tra i comuni inadempienti diffidati dai promotori

Ci sono quattordici comuni genovesi, tra cui lo stesso capoluogo, che risultano inadempienti nell'invio dei certificati elettorali dei firmatari del referendum sulla depenalizzazione della cannabis. Nei giorni scorsi il comitato promotore ha denunciato l'inadempimento di 1400 comuni in Italia che rischia di rendere vana la raccolta di oltre 600mila firme, il cui termine per il depositato è fissato al 30 settembre.

Nel dettaglio, i comuni considerati inadempienti nel gevovese sono, oltre come detto, al capoluogo, Borzonasca, Busalla, Carasco, Crocefieschi, Gorreto, Montoggio, Ne, Neirone, Rapallo, Rezzoaglio, Santo Stefano D'Aveto, Sori e Valbrevenna.

I comuni, secondo quanto denunciato dai promotori non avrebbero consegnato i certificati elettorali necessari per la validazione delle firme raccolte.

In Liguria i comuni inadempienti sono 56, oltre i 14 genovesi, 15 in provincia di Imperia, 21 in provincia di Savona e 6 nello spezzino. L'elenco è riportato sul sito dell'associazione Luca Coscioni, che fa parte dei promotori, i quali hanno avviato uno sciopero della fame e firmato un appello al presidente della Repubblica, oltre a diffidare i 1400 comuni italiani.

Un altro ostacolo alla validazione in tempo delle firme riguarda la decisione di non consentire lo slittamento dei termini per il deposito in Cassazione fissati al 30 settembre. I promotori ricordano che per altri referendum, per via dell'emergenza sanitaria il termine è stato prorogato al 31 ottobre.

"Un'interpretazione capziosa ritiene non applicabile questa previsione a chi, come noi, ha depositato la richiesta in Cassazione nel mese di settembre. La nostra colpa consisterebbe nell'adesione massiccia e straordinaria per la legalizzazione del consumo di cannabis e il paradosso inaccettabile si realizzerebbe dando un mese in più a chi ha avuto a disposizione tre mesi per la raccolta e non a chi ha avuto un solo mese", si legge nella lettera appello rivolta al presidente della Repubblica.

Francesco Li Noce


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium