/ Attualità

Attualità | 24 maggio 2022, 17:00

Sestri, in via Sant’Alberto arriva (finalmente) la segnaletica fuori dalla scuola

Strisce bianche per i pedoni e un avviso che invita a rallentare per la presenza di bambini, all’uscita della elementare ‘Pezzani’. Ma i cittadini avvertono: “Servono anche altri interventi per una completa messa in sicurezza”

Sestri, in via Sant’Alberto arriva (finalmente) la segnaletica fuori dalla scuola

Eppur (qualcosa) si muove. Nei giorni scorsi anche ‘La Voce di Genova’ è ritornata su un problema che da anni riguarda via Sant’Alberto, a Sestri Ponente, nel punto di uscita dei bambini dalla scuola elementare ‘Pezzani’, nell’omonimo quartiere di Sant’Alberto. I genitori e i residenti segnalano da moltissimo tempo come manchi una segnaletica orizzontale, come manchino dei dissuasori di velocità e come siano necessarie migliorie, per aumentare la sicurezza del tratto, proprio in una zona particolarmente critica, e non solo per la presenza della scuola.

A smuovere ulteriormente le acque, anche un incidente automobilistico nelle scorse settimane, per fortuna senza gravi conseguenze. Fatto sta che il tema è arrivato in Consiglio Comunale, grazie ad alcune interrogazioni a risposta immediata, e adesso ci sono alcuni primi spiragli verso la normalità.

Nei giorni scorsi, nel tratto di via Sant’Alberto di fronte alla scuola ‘Pezzani’, sono comparse le strisce bianche per delimitare il passaggio dei pedoni, nel punto in cui non esiste il marciapiede, ed è apparso un grande triangolo a indicare la presenza di una scuola e l’uscita dei bambini. A dare indicazioni in questo senso è stato l’assessore comunale con delega alla Mobilità, Matteo Campora, che era stato chiamato in causa non solo dai consiglieri comunali, ma anche dai genitori dei bambini che frequentano la ‘Pezzani’.

Tra i più combattivi, da sempre, c’è Elio Stanchi, che è il presidente del Comitato Genitori dell’Istituto Comprensivo Sestri. “Dopo i sopralluoghi dei giorni scorsi, e nei tempi che ci erano stati preventivati - osserva Stanchi - è stata rifatta la segnaletica orizzontale nel tratto di via Sant’Alberto che va da via Villini Rollino al plesso scolastico ‘Pezzani’. È una parte delle lavorazioni che serviranno a mettere in sicurezza il pericoloso tratto di strada, ma è importante perché le chiedevamo da anni e manifesta la presa di coscienza del problema da parte dell’amministrazione”. C’è quindi parziale soddisfazione da parte dei cittadini, anche se si continua a restare vigili, perché le migliorie devono proseguire.

Nelle scorse settimane, prima della pausa delle attività consiliari in vista delle elezioni amministrative del prossimo 12 giugno, a occuparsi della questione erano stati, attraverso interrogazioni a risposta immediata (ex articolo 54) sia Lorella Fontana, capogruppo della Lega in Sala Rossa, sia il collega Fabio Ceraudo del Movimento 5 Stelle. Secondo i due consiglieri, c’era da capire “se la segnaletica in zona sia sufficiente, sia quella orizzontale che quella verticale. E bisogna anche capire se possano essere applicati dei correttivi”. Lorella Fontana e Fabio Ceraudo avevano anche citato una petizione da parte dei genitori, che è arrivata a centinaia e centinaia di firme.

A rispondere a entrambi era stato l’assessore comunale con delega alla Mobilità, Matteo Campora: “Innanzitutto, come sempre, ricordiamo ai cittadini di guidare piano. Le disgrazie accadono per comportamenti irresponsabili da parte di chi guida un’auto o una moto. Poi, chiedo cortesemente copia della petizione, che non ricordo di avere ricevuto. Credo sia opportuno, già la prossima settimana, organizzare un sopralluogo con i cittadini alla presenza della Polizia Locale. Anche in questo caso cercheremo di organizzare, insieme al Municipio, un servizio di volontariato per presidiare l’uscita degli alunni dalle scuole”.

Il primo passo è stato la realizzazione della segnaletica verticale. Ma ci sono ulteriori richieste da parte dei cittadini: verifiche per mettere una segnaletica indicante il limite di velocità a 30Km/h; installazione degli ‘occhi di gatto’ sul tratto sprovvisto di marciapiede; verifiche sui ruderi in prossimità del cavalcavia autostradale per capire se si possa allargare la sede stradale nel punto dove è presente il restringimento più pericoloso; un volontario per controllare il traffico negli orari di ingresso/uscita dal plesso scolastico, oltre a controlli a campione da parte della Polizia Locale.

Alberto Bruzzone

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium