/ Attualità

Attualità | 26 maggio 2022, 10:32

Quando Ciriaco De Mita mi abbracciò e mi disse "Mi è piaciuto molto il tuo pezzo sul mio comizio"

A tanti anni di distanza e in occasione della morte dell'ex segretario Dc, dentro di me è scattato, nitido e quasi prepotente, un ricordo personale di questo statista, che conservo tra i più simpatici della mia lunga carriera di giornalista e mi fa piacere raccontare

Quando Ciriaco De Mita mi abbracciò e mi disse "Mi è piaciuto molto il tuo pezzo sul mio comizio"

Ciriaco De Mita è stato una figura di indubbia importanza e grande caratura nella vita politica italiana, quando questa era a livelli alti e gli statisti veri governano il Paese. In questi giorni si celebra il centenario di Enrico Berlinguer e, sopite dal tempo e dalla storia le separazioni ideologiche, che in allora almeno esistevano come idee, si riconosce a molti personaggi bipartisan, statura politica e intellettuale di altissimo profilo e livello. Con De Mita, morto stamattina nella sua Avellino, ebbi un rapporto particolare ai tempi del pentapartito e quando tra lui e Craxi c'era alleanza e intesa, scontri dialettici e separazioni improvvise. Cadute di governo e ricostituzione di altri con analoghe maggioranze. Cambiava tutto e non cambiava niente, ma il significato politico era forte e imprimeva spesso svolte non da poco ai rapporti tra i partiti, il potere e la gente. All'epoca i giornalisti seguivano i comizi e ne scrivevano; diverso da ora che la tv è il mezzo più potente ed immediato. La carta stampata di quell'era politica aveva efficacia non da poco e nei miei ricordi da giovane cronista è molto nitido quello di un comizio appunto di Ciriaco De Mita, ex segretario Dc, ex primo ministro, che praticamente fece cadere il governo e portò a elezioni anticipate. In un allora cinema di via XX Settembre De Mita attaccò gli alleati socialisti e concluse il suo intervento dicendo che questi, stante il loro atteggiamento, erano dannosi o pericolosi per il Paese e la democrazia. Non mi chieda il lettore di ricordare di più e più precisamente perché eravamo a fine anni '80 e da allora ho seguito innumerevoli eventi e ho scritto migliaia di pezzi. Ma De Mita era tanto irruento quanto simpatico e mi ricordo bene che riportai per il quotidiano Avvenire quella frase, con l'attacco del mio pezzo che affermava come, di fatto, a Genova, il segretario democristiano, avesse dato inizio alla campagna elettorale. De Mita tornò a Genova proprio per questa e non molto tempo dopo quando, sempre per Avvenire, giornale con il quale collaboro da circa 40 anni, seguii il suo comizio elettorale. Prima che iniziasse a parlare, andai a salutarlo e ricordo un suo abbraccio tanto forte quanto affettuoso e i suoi complimenti perché l'attacco del mio pezzo sull'attacco ai socialisti (gioco di parole) gli era piaciuto moltissimo. Così, ogni volta che veniva a Genova, voleva incontrarmi, parlavamo di molte cose anche non attinenti al tema politico e si scherzava. Per me, giornalista nella prima fase della vita professionale, per conto di Avvenire, giornale cattolico per eccellenza e quindi vicino alla Dc, De Mita che mi impose di dargli del tu e la sua confidenza, sono rimasti ricordi ricchi di piacevolezza e persino tenerezza. L'uomo era simpatico e l'Italia era bella e forse anche felice. Probabilmente non ce ne accorgevamo allora. Un Paese che oggi rimpiangono in molti.

Dino Frambati

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium