/ Politica

Politica | 04 agosto 2022, 09:30

Camogli, campi da padel al posto dei parcheggi. Pompei: "Ultima chance per nuovi posti, oggi insufficienti"

In occasione dell' ultimo consiglio comunale di Camogli, l'amministrazione del sindaco Olivari ha ribadito l'intenzione di costruire campi da padel ad Alega al posto di dedicare la parte dell'area oggi libera a parcheggi o luoghi di sosta per i pullman turistici

Camogli, campi da padel al posto dei parcheggi. Pompei: "Ultima chance per nuovi posti, oggi insufficienti"

Campi da padel al posto di parcheggi per automobili o pullman turistici. Con gravi ricadute sulla mobilità sostenibile e grandi disagi per cittadini e turisti che, soprattutto d’estate, affollano Camogli.

A denunciarlo il consigliere Claudio Giovanni Pompei che ricorda come negli ultimi 25 anni, invece di sfruttare le tante occasioni avute per la realizzazione di utili e tanto richiesti parcheggi pubblici, l’amministrazione comunale abbia preferito costruire appartamenti, supermercati ed alberghi. “Ancora oggi – afferma il consigliere – hanno scelto di realizzare ben 227 garage privati i cui lavori, che si protraggono ormai da oltre quattro anni, non si concluderanno mai prima di marzo. Un enorme disagio per tutti dove il privato prende spazio ancora una volta alla pubblica utilità”.

 

“Preferendo la costruzione di campi da padel nell’area libera adiacente ai pochi posti auto oggi presenti – prosegue Pompei – il sindaco Olivari e la sua amministrazione dimostrano ancora una volta di non conoscere i più elementari principi di mobilità sostenibile, dove occorre far di tutto affinché centinaia di macchine non entrino nei borghi con viabilità difficoltosa come Camogli. Questa scelta è il chiaro segno della loro incapacità nel soddisfare le esigenze dei cittadini, dando luogo ad un altro suicidio organizzativo”.

 

“Il consigliere Maggioni e il suo gruppo, oggi seduti fra i banchi della minoranza, ma che per 2 decenni hanno governato la città a fianco di Olivari – conclude Pompei – scegliendo ancora una volta di rimanere in un complice ed assordante silenzio, dimostrano il consueto disinteresse alle vicende cittadine e dovranno essere ritenuti co-responsabili  delle conseguenze che queste assurde scelte causeranno”.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium