/ Politica

Politica | 11 agosto 2022, 09:48

Sanità, Cgil: "La riorganizzazione si istruisce a mezzo stampa e non sui tavoli preposti"

Per il sindacato l'anomalia si ripete, quando invece il disegno per la nascita dell'azienda ospedaliera unica metropolitana dovrebbe avvenire nelle giuste sedi

Sanità, Cgil: "La riorganizzazione si istruisce a mezzo stampa e non sui tavoli preposti"

Resta al centro del dibattito la possibile fusione tra l'ospedale San Martino e l'ospedale Villa Scassi.

Una proposta emersa alcuni giorni fa che, però, ha suscitato numerose critiche, soprattutto per le tempistiche di annuncio.

A proposito sono intervenuti anche Igor Magni, segretario generale Cgil Genova, e Luca Infantino, segretario generale Funzione Pubblica Cgil Genova che, in un comunicato, hanno spiegato: "Gli articoli pubblicati sui quotidiani locali in questi giorni che anticipano, abbozzandone il disegno, la nascita dell’azienda ospedaliera unica metropolitana e di fatto un processo di fusione tra il Policlinico San Martino e il Villa Scassi, illustrati in pieno agosto con vena propagandistica, denotano una particolare volontà da parte dell’ente pubblico nel voler precostituire un percorso di rivisitazione gestionale in ambito sanitario, non condiviso con le parti sociali.  In questi anni caratterizzati dalla pandemia, le strutture sanitarie genovesi hanno vissuto e continuano a vivere gravissimi problemi di carattere organizzativo-gestionale, determinati dalle croniche carenze di organico, compensate, rispetto alla qualità del servizio erogato all’utenza, solo grazie alla immensa professionalità, disponibilità e abnegazione del personale sanitario.

L’ennesima decisione presa dall’alto, senza possibilità di confronto da espletare sui tavoli di contrattazione previsti dalle normative vigenti, sarebbe l’ennesima beffa in capo 'agli eroi della sanità pubblica', l’ennesima occasione persa per costruire percorsi atti a determinare il miglioramento della gestione del servizio volto all’utenza, capace di collimare con il benessere lavorativo degli operatori.

Auspichiamo pertanto, in tempi rapidi, la programmazione di un fitto calendario di incontri con le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria stante altresì l’urgenza determinata dalla necessità di garantire e sviluppare gli attuali standard occupazionali, peraltro ad oggi insufficienti".

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium