/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2022, 16:33

"Sedato e abbattuto", animalisti protestano per la morte del cinghiale trovato sullo zerbino

"Siamo indignati da quanto accaduto a Genova, un cinghiale trovato su uno zerbino è stato sedato e abbattuto, è stato ucciso da chi lo ha catturato con l'intento appunto di abbatterlo"

"Sedato e abbattuto", animalisti protestano per la morte del cinghiale trovato sullo zerbino

Continuano le proteste per la cattura e l'abbattimento del cinghiale trovato dormiente su uno zerbino, nonostante la successiva rivelazione sulle precarie condizioni fisiche dell'animale. Meta Parma rilancia le proteste: "Siamo indignati da quanto accaduto a Genova, un cinghiale trovato su uno zerbino è stato sedato e abbattuto, è stato ucciso da chi lo ha catturato con l'intento appunto di abbatterlo.

Successivamente hanno poi comunicato che le analisi sul cadavere del cinghiale hanno rivelato che l'animale era in agonia, come se questo potesse essere una giustificazione per quello che gli hanno fatto. Invece questa rivelazione a nostro avviso, e agli occhi di tantissimi cittadini che stanno protestando sui social, oltre a non essere una giustificazione, rende il tutto ancora più triste. Addirittura hanno rivelato di aver scoperto che il cinghiale aveva varie fratture, e intanto è stato sedato e abbattuto senza pietà.

Un cinghiale che viene sedato e abbattuto, muore perché viene ucciso, e il fatto che fosse già morente come sembrerebbe dalle nuove dichiarazioni, non cambia il fatto che è stato comunque ucciso, e che questo era il destino che era stato deciso per questa creatura. Anzi, scoprire che l'animale era addirittura sofferente o in agonia, ci fa indignare ancora di più".

Meta paragona quello che è successo al "cinghiale dello zerbino", a quello che sta succedendo anche a tutti gli altri cinghiali selvatici. "Da vari mesi ormai, è in atto una vera e propria mattanza di cinghiali, a Genova come a Roma. Purtroppo questi animali sono vittime di molti pregiudizi e di quella che ormai sembra diventata una caccia alle streghe, cinghiali perseguitati e sterminati ovunque. Catturarli, sedarli e abbatterli è ormai la prassi, senza dimenticare che avevano tentato di abbattere anche i cinghiali e i suini della Sfattoria degli Ultimi. Ogni scusa è buona per uccidere i cinghiali, vuoi per la peste suina, vuoi perchè dicono che sono troppi, ma stranamente non vengono mai sterilizzati. È sempre la stessa storia che si ripete all'infinito, animali lasciati riprodurre senza nessuna sterilizzazione, che poi vengono sistematicamente sterminati.

Ora è stato ucciso un cinghiale trovato coricato su uno zerbino, e sano o malato che fosse, tutto questo è ingiusto e non è più accettabile. La storia del cinghiale dello zerbino è diventata virale, l'opinione pubblica si è indignata e dispiaciuta per questa creatura, è ormai abbastanza chiaro che uccidere gli animali non è più una soluzione accettata nè condivisibile. Sofferente o no, dormiente o no, il povero cinghiale cercava un riparo, e invece è stato catturato per essere abbattuto. Quando finirà tutto questo?". 

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium