/ Economia

Economia | 09 gennaio 2023, 12:13

Caro carburanti, Confesercenti: "Aumenti dovuti a piena reintroduzione accise, non si usino i gestori come capri espiatori"

Lo stop al taglio delle accise, come ampiamente prevedibile, infiamma i prezzi dei carburanti

Caro carburanti, Confesercenti: "Aumenti dovuti a piena reintroduzione accise, non si usino i gestori come capri espiatori"

Lo stop al taglio delle accise, come ampiamente prevedibile, infiamma i prezzi dei carburanti. La decisione del governo di reintrodurre la quota piena delle accise determina infatti un aumento, nel mese di gennaio, di 30 centesimi su un litro di benzina o gasolio rispetto a marzo scorso, e di 18 centesimi al litro rispetto a dicembre.

Negli scorsi giorni il presidente nazionale Faib Confesercenti, Giuseppe Sperduto, aveva già espresso grande preoccupazione per la decisione adottata dall'esecutivo. "Nel ribadire che i gestori degli impianti non determinano il prezzo, sempre deciso e indicato dalle compagnie petrolifere e dai retisti privati, Faib ricorda che ai gestori stessi, a prescindere dal prezzo alla pompa, vanno sempre e soltanto 3,5 centesimi lordi al litro in media. Va inoltre ricordato che i benzinai, per nove mesi, hanno sostenuto l’anticipo del taglio delle accise, senza alcuna compensazione, peraltro più volte richiesta. Inoltre è chiaro a tutti che più cresce il prezzo, meno prodotto si vende e, a fronte appunto di un margine fisso di 0,035 euro al litro, questo determina un impoverimento dei gestori e non certo un guadagno che, invece, rimane appannaggio esclusivo delle compagnie: di fronte a questo scenario serve ancora di più un’urgente e organica ristrutturazione del settore, razionalizzando la rete e diversificando le attività non oil sulle stazioni, valorizzando i prodotti petroliferi ecologici e sintetici e ristrutturando la fiscalità che grava sui carburanti".

"Le dichiarazioni di questi ultimi giorni, anche da parte di esponenti del governo, lasciano sinceramente sgomenta la categoria – aggiunge Fabio Bertagnini, presidente Faib Confesercenti Liguria –. Che ci siano speculazioni sul mondo dei carburanti è del tutto evidente, ma che le stesse siano attribuibili ai benzinai che sul prezzo alla pompa, di fatto, non possono influire, è semplicemente insostenibile. Se si vuole fermare veramente la speculazione bisogna intervenire ben a monte della pompa di benzina, non quando i giochi ormai sono fatti, verificando il comportamento delle compagnie, i depositi e il trasporto di carburante".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium