/ Politica

Politica | 24 gennaio 2023, 15:24

Contrasto traffico di armi nel porto, la maggioranza boccia l'ordine del giorno

La proposta del gruppo consigliare Uniti per la Costituzione è stata respinta, PD e Genova civica non hanno votato

Contrasto traffico di armi nel porto, la maggioranza boccia l'ordine del giorno

Il gruppo consiliare di Uniti per la Costituzione ha presentato un ordine del giorno per contrastare il transito di armi dal Porto di Genova.

"In particolare chiedevamo alla Giunta e al Sindaco di rappresentare presso il Governo l’assoluta necessità di porre fine al conflitto in Ucraina per via diplomatica e di cessare l’esborso di soldi pubblici per l’acquisto e l’invio di armi. Chiedevamo inoltre al Comune di Genova di intraprendere ogni iniziativa utile a limitare gli effetti degli aumenti del costo dell’energia sui cittadini genovesi, visto l’aumento dei costi energetici derivante dalla crisi ucraina che, oltre a mettere a rischio la stabilità economica delle aziende presenti nel nostro territorio, colpisce prevalentemente le famiglie e le fasce sociali più deboli."

Il comunicato ricorda l'annosa questione del transito di armi in porto, già oggetto negli ultimi anni delle lotte dei portuali del Calp, proponendo la costituzione di una commissione a riguardo: "Dato che il Porto di Genova, come purtroppo è noto, costituisce uno snodo importante per l'invio di armi in vari teatri di guerra e che negli anni scorsi i lavoratori del Porto di Genova sono stati più volte protagonisti di mobilitazioni su questi temi, abbiamo anche proposto di istituire una Commissione ad hoc, che prevedesse l’audizione dei dirigenti dell’Autorità Portuale e dei rappresentati dei lavoratori e dei terminalisti."

Viene criticata la maggioranza contraria, ma anche l'opposizione che non si è schierata: "Si trattava quindi di prendere una posizione precisa: a fronte di tutto ciò, non possiamo non manifestare profonda indignazione rispetto all’esito del voto. La maggioranza ha votato compatta per bocciare l’ordine del giorno, confermando piena aderenza alla linea atlantista di governo anche a discapito degli interessi dei cittadini genovesi. Le forze di minoranza, pur di non andare contro ai padroni dei loro partiti di Roma, non hanno votato, scegliendo così di rendersi disponibili a rimanere nella peggiore delle ambiguità."

Il comunicato termina segnalando con gratitudine chi ha sostenuto la proposta: "Ci sembra doveroso menzionare gli unici Consiglieri che hanno avuto il coraggio di votare a favore della proposta: Fabio Ceraudo (M5S) e Francesca Ghio (Lista Rossoverde), oltre, naturalmente, al nostro Mattia Crucioli (Uniti per la Costituzione) che ha presentato l'ordine del giorno". 

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium