/ Politica

Politica | 27 febbraio 2023, 17:03

Nuovo regolamento per gli artisti di strada, arriva la petizione per salvaguardare i buskers

On line la petizione, promossa proprio dagli artisti di strada, per chiedere che non venga toccato l’attuale regolamento ma, anzi, che vengano fatte rispettare le regole previste dal documento approvato nel marzo 2017

Nuovo regolamento per gli artisti di strada, arriva la petizione per salvaguardare i buskers

Una petizione per chiedere che venga fatto rispettare il regolamento in essere senza che venga proposto un altro documento comunale che annovera proposte più stringenti e penalizzanti.

E’ quanto chiedono gli artisti di strada lanciando la raccolta firme che, a oggi, ha superato le 1.200 sottoscrizioni.

L’Arte di strada è una risorsa a costo zero per la città di Genova - si legge nelle motivazioni della petizione - è veicolo di cultura, e l’identità culturale è di tutti”.

Gli artisti di strada si schierano dunque contro la mozione della Lega, votata lo scorso 2 febbraio, che propone delle modifiche al regolamento in questione, con la limitazione all’utilizzo impianti di amplificazione, il drastico ridimensionamento per le percussioni suonate sotto ai portici tra piazza De Ferrari e via XX Settembre, e riduzione dell’orario consentito per le esibizioni.

Da qui il j’accuse del gruppo: “Per la terza volta in pochi anni, la comunità degli artisti si ritrova a fare i conti con proposte restrittive e penalizzanti su un regolamento vigente che funziona ma non è applicato da chi di dovere. Il regolamento comunale per l’Arte di strada a Genova è stato modificato e approvato nel mese di marzo 2017, dopo un’attenta valutazione anche di esperti del settore. Solo pochi mesi dopo, con il cambio di giunta, veniva nuovamente messo in discussione con la precisa intenzione di limitare drasticamente la libertà di espressione degli artisti. Un secondo tentativo è avvenuto nel 2019, e il 2 febbraio 2023 viene infine approvata la mozione del Municipio I Centro Est, con una serie di richieste nuovamente ‘mortificanti’ per la nostra intera categoria. Tutto sulla base di lamentele spesso tendenziose, e senza coinvolgerci nella sottoscrizione di punti molto precisi e tecnici che riguardano la nostra attività”.

Si fa riferimento - si legge ancora - a regolamenti limitativi di altre città, lamentando l’apertura di Genova nei confronti dell’arte di strada. E’ a dir poco destabilizzante che la chiusura, al posto dell’accoglienza, venga segnalata come modello virtuoso da seguire. E’ evidente che non si tiene conto della natura e della storia dell’arte di strada, che in molti casi è il primo palcoscenico di prova per testare e valutare il proprio talento artistico. Grandi star internazionali hanno iniziato proprio dalla strada ad affinare la propria arte, senza che nessuno li conoscesse.

Dario Fo, Robin Williams, Philippe Petit, Bruce Springsteen, John Coltrane, Steve Martin, George Michael, Tracy Chapman, B.B. King, Sheryl Crow, Lica Barbarossa, Daniele Silvestri, Rod Stewart, Pierce Brosnan, Alanis Morrisette, Edith Piaf, ZAZ, Maneskin. Solo per citarne alcuni!

Come comunità, ci sentiamo discriminati da una stretta cerchia di persone che evidentemente non ci vuole nella nostra città e chiediamo che la politica non faccia eco a richieste di parte, che non valorizzano in alcun modo la nostra arte, anzi. Suggeriamo che, per arginare le eventuali criticità, laddove necessario, vengano effettuati maggior controlli da parte della Polizia Municipale. Chiediamo inoltre che il regolamento vigente, che tutela equamente tutte le parti, non sia modificato a scapito di noi artisti. Eventuali modifiche aggiuntive e limitative sarebbero in contrasto con il principio di eguaglianza sostanziale e con la tanto decantata valorizzazione del centro storico e dell’arte di strada. Ricordiamo che l’Arte di strada, intesa come ‘forma d’arte che utilizzi spazi pubblici o aperti al pubblico e che sia caratterizzata da indipendenza, estemporaneità, assenza di ogni forma di contrattualizzazione e/o retribuzione, e che accetti come unica eventuale forma di contributo quello spontaneo e liberale del pubblico’ è riconosciuta e preservata dalla Costituzione Italiana (articoli 3, 4, 9, 21 e 33) e dalla Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale (approvata a Parigi il 17 ottobre 2003 e ratificata in Italia il 27 settembre 2007).

Genova, patria di De André e Paganini, vuole rimanere un esempio di vera valorizzazione dell’arte di strada e, più in generale, della realtà culturale cittadina”.

Qui la petizione 

Isabella Rizzitano


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium