/ Genova

Genova | 03 marzo 2020, 18:38

Coronavirus, scuole chiuse in Liguria. Toti: "Precauzione che non andrà oltre domenica" (VIDEO)

Intanto i casi positivi in Liguria sono scesi a 23, mentre quelli di sorveglianza attiva sono 466 su tutto il territorio

Coronavirus, scuole chiuse in Liguria. Toti: "Precauzione che non andrà oltre domenica" (VIDEO)

La notizia più attesa, già anticipata dal nostro giornale, è stata confermata dal presidente della Regione Toti: "Abbiamo deciso di prorogare per tre giorni la chiusura delle scuole". Cioè riapriranno lunedì 9 marzo.

Le ragioni della decisione sono dovute all'"interscambio di studenti delle zone considerate di seconda fascia di rischio, cioè la provincia di Savona, e quelle limitrofe, che avrebbe comportato un rischio". E poi per omogeneità sia tra le province regionali sia col Piemonte, e "perché lasciare altri giorni a disposizione sembra opportuno per adempiere alle disposizioni".

"Si tratta di una decisione di estrema prudenza presa per il fatto che al momento la fase di mitigazione dell'infezione sta funzionando, per cui qualche giorno in più ci lascia più tranquilli - ha commentato Toti - anche se nelle linee guida nazionali le nostre scuole, a esclusione di Savona, avrebbero potuto aprire da lunedì scorso. Si tratta di una precauzione in più che non pensiamo si possa prorogare oltre domenica".

L'Assessore Cavo ha continuato: "La maggioranza delle scuole al momento non è rifornita per quanto riguarda gli igienizzanti. Ovviamente tutti gli istituti si sono attivati. Per quanto riguarda il flusso degli studenti savonesi che studiano fuori dalla provincia, sono oltre 300, e l'ordinanza prevede, come per l'Università, una possibile deroga per questa settimana, nel caso di chi debba fare esami che altrimenti sarebbero pregiudizievoli". 

E' stato spedito anche un vademecum a 1400 docenti, che hanno aderito alla Scuola Digitale, per fornire tutti gli strumenti necessari, "e tutti si stanno attivando per le lezioni a distanza".

Per quanto riguarda i casi positivi al coronavirus in Liguria sono 23, mentre i soggetti in sorveglianza attiva sono 466 su tutto il territorio.

"I medici, specialmente in Asl3, hanno confermato la disponibilità per il supporto territoriale, per evitare il più possibile l'ospedalizzazione", ha spiegato l'assessore Viale.

"Oggi sono stati testati 5 campioni tutti negativi. Mentre 14 sono in corso o in arrivo al laboratorio di riferimento", ha spiegato il professor Ansaldi di Alisa.

Attualmente i pazienti positivi ricoverati sono "due a Sanremo, due ad Albenga, due a Savona e uno a Spezia, tutti in buone condizioni - ha spiegato il professor Bassetti -. Quelli che invece sono più critici sono all'Ospedale San Martino, che ha 4 pazienti in malattie infettive e 4 in terapia intensiva. Ne sono stati dimessi 5, purtroppo nella notte scorsa è deceduta una paziente di 86 anni, con pluripatologia, immunodepressa, con problematiche di tipo epatico, e se non fosse deceduta in epoca di coronavirus non avrebbe fatto notizia". 

Per guardare la conferenza stampa completa:

Soggetti in sorveglianza attiva in Liguria al 03/03/2020

 

Asl 1: 27

Asl 2: 249

Asl 3: 56

Asl 4: 42

Asl 5: 92

 

Totale 466

 

Tamponi positivi Liguria: 23

Ospedalizzati:

 

Sanremo: 2

Albenga: 2

Savona: 2

San Martino: 8

Spezia: 1

 

8 al domicilio

 

Tamponi in corso: 11 in lavorazione, 14 in totale (compresi 3 in arrivo )

 

Il comunicato di Regione Liguria:

“Abbiamo deciso di prorogare fino a domenica 8 marzo la chiusura delle scuole e lo abbiamo fatto per consentire agli istituti di adeguarsi a tutte le disposizioni normative. Questa mattina l’assessore Ilaria Cavo ha riunito il mondo della scuola che si sta attrezzando al meglio per mettere in pratica quanto previsto. Una decisione che è stata assunta prima di tutto per una questione di interscambio piuttosto elevato, esistente tra gli studenti delle zone considerate di seconda fascia come la provincia di Savona e le realtà limitrofe come Imperia, la provincia di Genova e il Piemonte. Una situazione che avrebbe comportato un rischio per l’opera di contenimento del cluster di Savona che sta procedendo in modo soddisfacente. A questo si unisce l’esigenza di omogeneità tra la zona di Savona, il resto della regione e anche il Piemonte. Si tratta di una decisione di estrema prudenza, assunta con la Task Force di ALISA e basata sul fatto che la nostra azione di mitigazione dell’infezione sta funzionando”. Lo ha detto questa sera il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel corso della conferenza stampa di aggiornamento sull’emergenza coronavirus a cui hanno preso parte la vicepresidente e assessore alla salute Sonia Viale, l’assessore regionale alla Scuola Ilaria Cavo, l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone, il commissario di Alisa Walter Locatelli e gli infettivologi Filippo Ansaldi e Matteo Bassetti.

 

“Nel dpcm del governo – ha spiegato Toti - le nostre scuole avrebbero potuto aprire già da lunedì scorso è evidente che l’Istituto Superiore di Sanità e tutti i tecnici non considerino la scuola un fenomeno tale da modificare il quadro epidemiologico e di rischio per il Paese. Comunque non credo che la proroga possa essere allungata ulteriormente, anche per non andare incontro a fenomeni controproducenti per i nostri ragazzi”.

 

PROTEZIONE CIVILE

Entro la sera anche i 69 ospiti dell’hotel Corallo di Finale Ligure residenti in Lombardia e Piemonte faranno rientro nelle loro case per poter svolgere la quarantena in vigilanza attiva.

Il trasporto è stato organizzato dalla Protezione civile regionale, dalla Croce rossa e dal

118. Saranno infatti due pullman e cinque ambulanze i mezzi dedicati per questa operazione.

Intanto questa mattina, sempre con le stesse modalità, la Protezione civile ha provveduto a riaccompagnare nelle loro abitazioni 8 cittadini residenti nelle zone rosse di Codogno e Maleo che si trovavano nell’hotel Danio di Alassio. Conclusa l’operazione di questa sera, in meno di una settimana, Regione Liguria ha provveduto a far rientrare nelle loro case circa 300 persone provenienti da Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna.

“Con questa sera – ha detto l’assessore alla Protezione civile regionale Giacomo Giampedrone – chiudiamo il quadro dei rientri. Come protezione civile rimaniamo comunque attivi e di supporto al comparto sanitario per qualsiasi emergenza”.

 

SCUOLE

Sospesa fino a domenica 8 marzo l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado della Liguria e dei corsi di istruzione e formazione professionale. La decisione è stata assunta dal presidente Toti dopo la riunione che si è tenuta oggi nella sede di Regione Liguria tra l’assessore alla Scuola e alla Formazione Ilaria Cavo, la Direzione dell’Ufficio scolastico regionale della Liguria e i rappresentanti di ANCI e della formazione professionale, tenendo conto anche del flusso dei circa 300 studenti savonesi diretti fuori provincia.  “In questo momento – ha spiegato l’assessore regionale alle Scuole Ilaria Cavo -  la maggioranza degli istituti non è fornita di igienizzanti. Pertanto sono state girate al MIUR tutte le richieste e il Ministero ci ha assicurato una presa in carico di tutte le esigenze, con il dovuto supporto finanziario”. L’assessore ha ricordato che già alcune scuole in Val Trebbia e ad Imperia si sono attrezzate per le lezioni a distanza e che Regione Liguria ha inviato a 1400 docenti un vademecum per sollecitare un’attivazione della scuola digitale grazie anche al supporto regionale di 800mila euro.

“L’ordinanza regionale sulla proroga della chiusura delle scuole – ha ricordato l’assessore Cavo – prevede anche una possibilità di deroga per gli ITS, gli Istituti Tecnici Superiori che avessero particolari necessità di svolgere esami indispensabili, come già era stato deciso anche per l’Università”.

 

L’assessore alla sanità Sonia Viale ha voluto ringraziare i medici che hanno dato la loro disponibilità per l’assistenza territoriale. “Si tratta di 33 medici nella ASL 3 – ha detto Viale – che potranno supportare gli uffici dell’assistenza territoriale, ed evitare l’ospedalizzazione delle persone. Alla luce di questa situazione è anche partita la lettera per l’assunzione di nuovo personale”. “L’azione di contenimento che abbiamo messo in campo – ha detto Viale – sta dando i suoi frutti, inoltre oggi, accanto a tutte le attività legate all’emergenza, i nostri laboratori hanno effettuato attività per i donatori di midollo osseo e questo è un fatto molto importante che si fornisca continuità ai bisogni della popolazione”. Per quanto riguarda la limitazione degli accessi nelle RSA decisa dall’ordinanza regionale per proteggere i soggetti più fragili l’assessore Viale ha ribadito che “insieme ad ALISA faremo il possibile per fare in modo che la regola di un unico visitatore venga rispettata chiedendo alle famiglie di collaborare. Allo stesso tempo, se ci sono stati casi in cui questo principio non è stato rispettato da parte delle RSA ,vigileremo affinché questo non avvenga più”.

 

Soggetti in sorveglianza attiva in Liguria al 03/03/2020

 

Asl 1: 27

Asl 2: 249

Asl 3: 56

Asl 4: 42

Asl 5: 92

 

Totale 466

 

Tamponi positivi Liguria: 23 di cui ospedalizzati:

 

Sanremo: 2

Albenga: 2

Savona: 2

San Martino: 8

Spezia: 1

 

8 sono invece i domiciliati.

 

Tamponi in corso:

11 in lavorazione, 14 in totale ( 3 in arrivo )

 

Il professor Filippo Ansaldi di Ansaldi ha sottolineato come “il risultato di oggi sia abbastanza positivo, tutti i campioni sono stati analizzati per un’azione di riconoscimento precoce che è quella che raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ringrazio il lavoro del dipartimento di prevenzione: ad oggi 5 sono i campioni risultati negativi, 14 i campionamenti in corso”.

 

L’infettivologo Matteo Bassetti ha voluto sottolineare come “la donna deceduta di 86 anni avesse una serie di patologie e fosse immunodepressa, con gravi problematiche epatiche. Pertanto poteva essere colpita da qualsiasi altro micro-organismo”. “Ora abbiamo in terapia intensiva un paziente che risulta stabile, e altri 3 in prognosi riservata e da un’ora anche una donna di 90 anni. Tutti stanno facendo una terapia anti-virale e una terapia antibiotica e siamo in attesa di un farmaco sperimentale che ci auguriamo arrivi tra domani e dopo”.

 

 

DATI CHIAMATE 112

Dalla mezzanotte alle 17 di oggi, martedì 3 marzo. In parentesi, il dato delle 24 ore, dalle ore 17 di ieri, 2 marzo, alle 17 di oggi.

 

Chiamate totali alla Centrale 112 Liguria: 1635 (2612)

Chiamate gestite: 1611 (2473)

• Transitate al PSAP2: 903 (1391)

• Filtrate: 708 (1082)

Informazioni: 71 (120)

Altro: 24 (139)

Chiamate passate alle cinque centrali dell’emergenza sanitaria: 585 (861)

• 118 Genova: 251 (366)

• 118 Savona: 94 (144)

• 118 Imperia: 81 (125)

• 118 La Spezia: 78 (112)

• 118: Lavagna: 69 (99)

• Altri fuori Regione: 15 (18)

 

 

Dati delle chiamate per Coronavirus: 71 (120)

29 (60) sono state trasferite alle 5 centrali 118 della Liguria

10 (20) sono state trasferite ai reperibili di igiene delle diverse ASL dicendo agli utenti di rimanere a casa, non recarsi in PS e che verranno ricontattati

32 (40) che volevano solo informazioni

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium