/ Cronaca

Cronaca | 03 marzo 2020, 12:09

Itas: i lavoratori di Genova in piazza per dire no ai trasferimenti (FOTO e VIDEO)

Presidio davanti alla sede di Itas in Piccapietra e poi in Largo Pertini. Alle 12 i lavoratori si spostano a palazzo Tursi

Itas: i lavoratori di Genova in piazza per dire no ai trasferimenti (FOTO e VIDEO)

Sono scesi in piazza e sono agguerriti i lavoratori e le lavoratrici del gruppo Itas Assicurazioni. Come già annunciato nei giorni scorsi, infatti, la sede di Genova, che conta quasi 200 impiegati, è a rischio trasferimento nella sede di Trento o, in caso di rifiuto, licenziamento.

Per queste ragioni oggi i dipendenti con tutte le sigle sindacali presenti, Uilca, Cisl, Fna, Snfia e Cgil, sono in sciopero. Come spiega William Zito, coordinatore aggiunto della Uilca, il trasferimento della sede di oltre 100 dipendenti è il risultato di un piano industriale che i sindacati non accettano:

 

Essendo circa il 50% dei lavoratori costituito da donne d’età media inferiore ai 50 anni, e con figli, un trasferimento nella sede centrale di Trento è visto come un licenziamento camuffato da trasferimento, in quanto difficilmente la madri potrebbero accettare, come spiega Michela Corsiglia di Fisac Cgil:

E la preoccupazione per la situazione di Itas, si estende anche a tutta la città di Genova. I sindacati, infatti, come spiega Andrea Bonino, Segretario di Fisac Cgil, hanno avuto un primo incontro con il sindaco Bucci e l’assessore regionale Benveduti:

Perché, come ricorda Rossana Leoncini, Segretario di Fit Liguria, “sono cento posti e quindi cento famiglie coinvolte”:

 

Senza contare che in epoca di smart working si potrebbero trovare soluzioni alternative ai trasferimenti, quali, appunto, il telelavoro. 

Dalle 12 l'incontro nella conferenza dei capigruppo del Comune e a seguire quella dei capigruppo della Regione.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium