/ Genova

Genova | 07 agosto 2020, 16:24

'Note sotto le stelle', il concerto per S.Lorenzo della genovese Valentina Messa : "Una rara emozione"

Il 10 agosto alle 22 “Promenade tra le stelle nella notte di San Lorenzo” con la pianista Valentina Messa davanti alla Casa Alpina dei Padri Barnabiti

'Note sotto le stelle', il concerto per S.Lorenzo della genovese Valentina Messa : "Una rara emozione"

Combin en Musique 2020, alla terza edizione, propone una serie di eventi musicali ad accesso libero in teatri inconsueti. Luoghi ricchi di valore naturalistico, paesaggistico, storico e culturale si aprono al pubblico e si svelano con la potenza della musica. Programma completo, modalità di partecipazione e prenotazioni su www.combinenmusique.com

Precisamente il prossimo evento del Festival Combin en Musique (www.combinenmusique.com) si intitola “Promenade tra le stelle nella notte di San Lorenzo” con la pianista Valentina Messa davanti alla Casa Alpina dei Padri Barnabiti, Località Rey, Ollomont in un suggestivo contesto dove la vista delle “Lacrime di San Lorenzo” sarà fruibile al pubblico.

“Proprio in occasione della notte di San Lorenzo – spiega il direttore artistico Federico Bagnasco - quella delle stelle cadenti e dei desideri, la straordinaria pianista Valentina Messa ci offrirà un concerto a tema, sotto la volta celeste e brillante per osservare il cielo guidati da un percorso musicale appositamente combinato”. In caso di condizioni atmosferiche avverse il concerto verrà anticipato alle ore 21 e si terrà, sempre lunedì 10 agosto, al padiglione di Valpelline, area Pro loco.

Il programma del recital sarà di fatto incentrato sul tema della notte e delle stelle, muovendosi tra musica del XIX e del XX secolo come in un viaggio onirico, suddiviso in quattro parti coi brevi frammenti dello Zodiaco di Stockhausen, in particolare seguendo le costellazioni estive, a fare da interpunzione... “Il concerto -spiega Valentina Messa- seguirà svariate suggestioni in un percorso guidato che toccherà musiche di Barber, Beethoven, Cage, Chopin, Fauré, Poulenc, Schumann e Stockhausen cullando i propri sogni e tendendo a quell’irraggiungibile infinito (o assoluto) a cui tutte le arti si avvicinano. Un programma non pensato esclusivamente per gli addetti ai lavori, ma per tutti, in un percorso emotivo per abbandonarsi completamente alla musica e alle emozioni. E’ un’occasione a cui tengo particolarmente”.

 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium