/ Attualità

Attualità | 05 marzo 2021, 16:30

Legge antifascista Stazzema: anche in piazza dell’Olmo la raccolta firme per sostenerla

L’appuntamento è per il 6 marzo dalle 9 alle 13 davanti al Municipio della Media Valbisagno; l’iniziativa degli ‘Amici di Pontecarrega’ per permettere anche a chi lavora di poter firmare

Legge antifascista Stazzema: anche in piazza dell’Olmo la raccolta firme per sostenerla

La Valbisagno si mobilita per la raccolta firme a sostegno della legge antifascista Stazzema: il 6 marzo in piazza dell’Olmo dalle 9 alle 13 davanti al Municipio Media Valbisagno avrà luogo la raccolta firme a sostegno della legge d’iniziativa popolare contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione d’oggetti con simboli fascisti e nazisti.

“Negli ultimi anni - osserva Fabrizio Spiniello, portavoce degli ‘Amici di Pontecarrega’ che insieme ad altri gruppi antifascisti della Valbisagno ha organizzato la raccolta firme di sabato in piazza dell’Olmo - si sta assistendo ad una recrudescenza di queste ideologie che rischiano di minare la tenuta democratica del Paese e ricordano atteggiamenti e gesti che dovrebbero invece appartenere al passato”.

La proposta di legge nazionale verrà presentata in Parlamento per chiedere l’inasprimento delle pene nei confronti di chi fa propaganda nazista o fascista mentre la raccolta firme scade il 31 marzo; ed anche se le cinquantamila sottoscrizioni necessarie per la presentazione in Parlamento sono già state raggiunte “stiamo dando la possibilità a tutti di sottoscriverla – aggiunge Spiniello – perché in tanti lavorando durante la settimana non potevano andare in Comune o nei municipi a firmare e ci hanno chiesto se potevamo fare una raccolta di sabato”.

Per sottoscrivere la legge bisogna avere con sé un documento d’identità valido e a certificare le firme ci sarà il presidente del Municipio Roberto D’Avolio: “Dobbiamo fare il possibile affinché questa proposta di legge possa andare avanti perché in questo momento è sempre più attuale parlare di antifascismo e sostenere i valori dettati dalla costituzione”.

A promuovere la legge per l’inasprimento delle pene a chi fa propaganda fascista e nazista è stato Maurizio Verona, sindaco di Stazzema, comunità molto sensibile al tema dell’antifascismo perché teatro di una delle stragi più efferate della Seconda Guerra Mondiale: a Sant’Anna di Stazzema il 12 agosto 1944 i nazifascisti uccisero 560 civili di cui 130 bambini, una strage scoperta solo negli anni ’90.

Rosangela Urso

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium