/ Attualità

Attualità | 01 aprile 2021, 17:46

È uscito ‘La mia politica in cucina’: il libro di Renata Briano che trasforma una passione in ricetta

Dopo il blog su Giallo Zafferano l’ex eurodeputata veste i panni della cuoca e lo fa a partire dal territorio ligure: con un occhio sempre attento all’ambiente le sue ricette puntano su stagionalità, prodotti a chilometro zero e d’alta qualità

È uscito ‘La mia politica in cucina’: il libro di Renata Briano che trasforma una passione in ricetta

Dopo aver dismesso gli abiti della politica dentro aule e parlamenti, dopo essere stata assessora provinciale e regionale ed eurodeputata occupandosi prevalentemente d’ambiente, pesca e produzioni alimentari, Renata Briano porta la sua passione in cucina: è infatti uscito per Leucotea edizioni il suo primo libro di ricette dal titolo ‘La mia politica in cucina’, perché certe passioni fanno talmente parte di te che non ti abbandonano anche quando cambi strada e Briano è riuscita a portarla tra i fornelli: “Il nome rappresenta in qualche modo il proseguimento della mia attività e il luogo dove fondo gli ingredienti col mio background politico: la ricerca della qualità, ridurre gli sprechi, cucinare con gli avanzi, cercare prodotti stagionali, possibilmente biologici, promuovere le ricette tradizionali del territorio e i prodotti della mia regione” scrive l’autrice nella sua introduzione al libro dov’è possibile trovare più di cento ricette tutte realizzate da lei, dove gli ingredienti sono a chilometro zero e i piatti profumano di Liguria come la torta di cipolle alla genovese che coi suoi ingredienti semplici racconta la storia di questa terra, una storia che l’autrice ripercorre nel libro prima di elencare gli ingredienti e descrivere il procedimento affinché la cucina non si limiti solo al cucinare.

Non solo tradizione ligure, si trovano anche accostamenti speziati come nella vellutata di carote, yogurt e curcuma per accontentare tutti i palati e perché la cucina è cultura, commistione; il libro arriva a più di un anno da quella scelta che ha cambiato la sua vita quando sulla sua pagina facebook ha iniziato a pubblicare foto di piatti e ricette e che nel tempo è diventata sempre più interattiva con 37.000 ‘Mi piace’. Un successo che l’ha poi portata ad aprire un blog su Giallo Zafferano che raccoglie più di seicento ricette: “Mi ci dedico per tante ore al giorno e poi non c’è solo la parte del cucinare, bisogna scrivere correttamente le ricette, caricarle sul blog, fare delle belle foto, gestire i social network; però i numeri in crescita incoraggiano e mi fanno capire che, se andrà avanti così, per me la food blogger potrà veramente diventare una professione. Il bello è vedere come tante aziende e tanti produttori s’affidino ormai pienamente a persone come noi anche per far conoscere i loro prodotti perché molto spesso la prova pratica è molto più efficace di una fredda pubblicità”.

Ora è arrivato il libro, un modo per dire che si può fare politica in tanti modi perché tutto dipende dalle scelte, anche in cucina.

Rosangela Urso

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium