/ Attualità

Attualità | 08 aprile 2021, 15:45

La rassegna online del Count Basie Jazz club prosegue con Gianluca Tagliazucchi

L’iniziativa continua il 9 aprile col musicista che propone una rivisitazione dei brani di Cole Porter in piano solo; il filmato resterà a disposizione del pubblico anche dopo la diretta

La rassegna online del Count Basie Jazz club prosegue con Gianluca Tagliazucchi

La rassegna online ‘Count Basie Jazz Restart’ continua il 9 aprile col concerto di Gianluca Tagliazucchi impegnato nella rivisitazione dei brani di Cole Porter: l'intero concerto verrà trasmesso online sul sito del Count Basie e resterà a disposizione anche successivamente alla diretta.

Assieme a Gershwin, Rodgers & Hart, Irving Berlin ed altri compositori, Porter è stato uno dei fondatori della popular music americana, i suoi brani hanno fatto da colonna sonora a commedie, musical di Broadway e film dell'epoca d'oro di Hollywood; a parte questo però c'è anche il personaggio che in qualche modo influenza sempre la musica: un dandy anticonvenzionale, incallito nottambulo (tanti suoi brani parlano della notte e del suo fascino), fuori dagli schemi per i clichè dell'epoca, dalla vita avventurosa e che nei testi delle sue canzoni poteva permettersi di trattare temi all'epoca considerati scabrosi, ma forse anche oggi, come amori adolescenziali in vendita, relazioni incestuose e linciaggi di donne considerate peccaminose dalla società. A differenza di molti altri compositori di Broadway che di solito lavoravano in coppia (compositore e paroliere) lui era autore unico dei suoi brani, cosa che gli ha permesso di creare una fusione non comune tra musica e testo; un autore ideale per il jazz Tagliazucchi propone una rivisitazione dei brani di Porter in piano solo.

Il Count Basie è un’associazione che organizza circa 150 eventi di sola musica live all'anno senza contributi pubblici né privati e con la sola attività di un gruppo di soci volontari, tutte le attività sono sostenute dai soci attivi che investono spirito e tempo per mantenere questa chicca dove cultura musicale vuol dire anche un ambiente familiare in cui s’incontrano tanti amici. Negli anni l'associazione è cresciuta nel numero di soci e s’è definito uno staff operativo formato da musicisti, professionisti ed appassionati motivati che ha dato vita ad un’ampia offerta di eventi e progetti curati con attenzione e qualità; la gestione degli eventi e di tutte le attività è svolta in maniera totalmente partecipata con frequenti assemblee attente a mantenere viva la mission di promozione sociale-culturale dell'associazione e con un’organizzazione operativa strutturata; per informazioni generali è possibile scrivere a info@countbasie.it.

Tagliazucchi nasce a Loano il 2 maggio 1968, inizia a suonare il pianoforte all'età di sei anni ricevendo lezioni da Riccardo Zegna, la sua formazione jazzistica avviene essenzialmente in modo autodidatta; ha studiato arrangiamento per orchestra jazz col maestro Cesare Marchini, nel 1991 frequenta i seminari senesi di musica jazz sotto la guida di Enrico Pieranunzi e Stefano Battaglia; nello stesso anno è vincitore di una borsa di studio assegnatagli dal pianista statunitense Mal Waldron ai seminari ‘Spazio musica’ di Loano. Nel 1994 ottiene una borsa di studio ai seminari ‘We love jazz’ da George Cables e Jack McDuff, nel 1995 partecipa ad una masterclass di pianoforte tenuta da James Williams, nel 1998 a New York segue le lezioni di musica d'insieme tenute dal pianista Barry Harris; è attivo sulla scena del jazz dal 1985 svolgendo attività concertistica, didattica e d’arrangiatore per big band e combo jazz.

Ha partecipato a vari festival e rassegne tra cui: Festival Internazionale del Jazz di La Spezia, Genova, Montreux Jazz Festival, Estate Musicale Andorese, Rassegna del Jazz Tradizionale di Sori, Memorial Jazz ‘Dagnino’, Acqui in Jazz, Lago Maggiore Jazz Festival, Ferrara in Jazz, Savona ‘Jazz in calata’, Pegli Jazz Festival, Viggiano Jazz, Esposizione Universale del Jazz di Genova, Certaldo Jazz, Alassio Jazz, Moncalieri Jazz Festival, Altitude Jazz a Briançon, Siena Jazz, Due Laghi Jazz Festival di Avigliana, Susa Open Music, Nuoro Jazz, Serravalle Outlet Jazz, MiTo Settembre Musica. Dal 1996 al 2001 ha collaborato come pianista ed arrangiatore con i cori ‘Vivavoce’ e ‘Novo Grupo Vocal’ di Firenze, diretti da Stefania Scarinzi, per i quali ha scritto numerosi arrangiamenti e svolto intensa attività concertistica. Dal 1997 a tutt'oggi fa parte della Bansigu Big Band - Orchestra jazz di Genova in qualità di pianista ed arrangiatore.

Giacomo Grassi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium