/ Politica

Politica | 16 settembre 2021, 09:35

Esselunga torna in discussione: problemi e criticità nel cantiere edile (VIDEO)

Molte sono le problematiche che si stanno riscontrando nel quartiere al seguito dell'apertura dell’immenso cantiere

Stefano Giordano (M5S)

Stefano Giordano (M5S)

Scavi profondi, polveri ed inquinamento acustico; il cantiere edile di Esselunga sta creando non pochi problemi al quartiere di San Benigno. 

“La sensazione è che tutte le normative vengano aggirate; come organizzazione sindacale che rappresento all’interno dei Vigili del Fuoco, abbiamo chiesto agli organi competenti di attivare maggiori controlli perché i lavoratori non riescono nemmeno più a svolgere la loro attività” puntualizza il consigliere Stefano Giordano del Movimento 5 stelle che già in passato aveva lamentato i rischi nei quali si poteva incorrere oltre un problema legato al mercato. 

A preoccupare di più del cantiere è che risulta essere senz’acqua perché il comune pare non lo abbia fornito di rete idrica. 

“Come si fa ad abbattere le polveri senza avere a disposizione l’acqua? Gli operai sono costretti ad utilizzare una cannetta da giardino per bagnare grosse moli di materiali; la situazione quindi è insostenibile; i cantieri devono rispettare le norme per chi lavora e per chi ci abita vicino”

Nei giorni però, c’è anche chi ha pensato si tratti di una polemica strumentale per boicottare Esselunga. Infatti il movimento 5 stelle, ma non solo non si era dimostrato favorevole all’apertura di un grande magazzino, poiché potrebbe disturbare il piccolo commercio.

“A chi sostiene che sia una polemica strumentale, suggerisco di farsi un giro all’interno del cantiere per vedere come sono realmente le condizioni ambientali e di lavoro” conclude Giordano.

Chiara Manganaro


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium