/ Politica

Politica | 18 gennaio 2022, 18:23

Provvedimenti nei confronti degli studenti che occuparono il Disfor, gli attivisti di Vedo Terra bloccano via Balbi (FOTO e VIDEO)

La manifestazione era stata annunciata nei giorni scorsi e si è tenuta davanti la sede della facoltà di giurisprudenza in via Balbi

Provvedimenti nei confronti degli studenti che occuparono il Disfor, gli attivisti di Vedo Terra bloccano via Balbi (FOTO e VIDEO)

Protesta degli attivisti di 'Vedo Terra' contro i provvedimenti disciplinari dell'Università di Genova nei confronti degli studenti che la scorsa primavera avevano occupato il Disfor. La manifestazione era stata annunciata nei giorni scorsi e si è tenuta davanti la sede della facoltà di giurisprudenza in via Balbi. Intorno alle 17.30 gli attivisti hanno però deciso di occupare la via che è stata chiusa al traffico, costringendo auto e mezzi pubblici a una deviazione che ha provocato disagi al traffico.

Sul posto gli agenti della Digos e la polizia locale. Via Balbi è stata riaperta alle 19.35.



"L'avvio di una serie di provvedimenti disciplinari ricevuto in risposta all'occupazione del Disfor (Aprile-Maggio 2021) - si legge in un volantino diffuso durante la protesta - testimonia l'ennesimo tentativo di esautorazione del gesto politico attraverso una repressione dai connotati tecnici ed aziendalistici.


Le dichiarazioni del rettore il quale sostiene che 'il suo non è un ruolo politico', sono un chiaro esempio di questa gestione manageriale dell'istituzione universitaria, dove disciplina, ordine e diritto sono le categorie cui si fa appello per far fronte ad una coscienza collettiva.

L'occupazione del Disfor è stata un atto in cui corpi e menti diverse e molto più numerose rispetto ai 9 ritenuti colpevoli hanno innescato un conflitto dal potenziale critico ed eversivo. Nonostante questo, Il piano della discussione si riduce alla violazione di beni, servizi e regolamenti in cui lo scopo dell'università rimane fornire competenze tecniche e nozionistiche in cui noi giovan* siamo chiamati ad essere performativ*, individualist* e competitiv* utili solo al mantenimento del modello produttivo attuale. Nella risposta burocratica dell'università si nota la cosciente deresponsabilizzazione politica verso le/gli occupant* vengono trattati in maniera infantile, come bambini da mettere dietro alla lavagna.

Nonostante questo, rivendichiamo con fermezza l'occupazione dell'università come un atto politico importante e non come un goliardico momento di ribellione. La necessità di incontrarci, discutere e organizzarci politicamente è stato il vero scheletro sui cui abbiamo plasmato il corpo di questa esperienza.

Siete voi a scegliere di non investire in alcun modo sull'istruzione pubblica; siete voi a privarla dei mezzi necessari ad una sua reale emancipazione dal mercato dei privati; siete voi a renderla accessibile solo a chi possiede i mezzi economici e tecnologici necessari; e siete ancora voi a continuare a concepire lo studio come un servizio più che un diritto, non è forse questa la vera interruzione di pubblico servizio?

Nonostante le rivendicazioni portate avanti dagli occupanti non vi è stata alcuna risposta ma puntuale è subentrato un particolare tipo di repressione, che non era stata ancora mai messa in atto.

Ribadiamo con forza che siamo student* che vivono le contraddizioni di questo momento storico e pretendono risposte e assunzione di responsabilità da parte della governance universitaria, non utenti che contravvengono al regolamento aziendale".

Vedo Terra in ogni occupazione.

Francesco Li Noce


SPECIALE ELEZIONI 2022 - GENOVA
Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova in vista delle elezioni 2022 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium