/ Municipio Centro Ovest

Municipio Centro Ovest | 10 novembre 2022, 10:44

Centri sociali, Zapata verso lo sgombero? L'allarme degli attivisti

In queste ore gli attivisti hanno fatto circolare un messaggio che rende nota la notifica di sgombero

Centri sociali, Zapata verso lo sgombero? L'allarme degli attivisti

Il centro sociale Zapata verso lo sgombero? Nelle scorse ore gli attivisti hanno lanciato un allarme sostenendo di aver ricevuto una notifica di sgombero relativa allo spazio degli ex Magazzini del Sale di Sampierdarena. Secondo quanto riferito l'area sarebbe interessata da un progetto di riqualificazione del Comune che ha ricevuto i fondi del Pnrr.

"L'immobile e l'area - si legge in un messaggio circolato in queste ore - sono inclusi in progetto di riqualificazione del quartiere con finanziamento in PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza), come il comune riceve i fondi relativi attiva il cantiere, al momento si ritiene inizio anno prossimo.

Il collettivo in questa fase richiede la massima partecipazione possibile con attività diurne e/o serate insieme a massima visibilità di esse su social media.

Vediamo tutti cosa possiamo organizzare con loro da subito per non perdere uno spazio fondamentale per la città, che ci ha già permesso di fare 4 serate di rilievo per il progetto".

Dopo il Terra di Nessuno potrebbe quindi toccare al csoa di Sampierdarena. 

Dal Comune, l'assessore alla sicurezza Sergio Gambino ha dichiarato a La Voce di Genova di non essere a conoscenza di ipotesi di sgombero per lo Zapata.

Il presidente del Municipio II Centro Ovest Michele Colnaghi ha detto al nostro giornale di non avere ricevuto comunicazioni in merito: "Di certo - ha detto Colnaghi - i Magazzini del Sale lato Ponente fanno parte dei progetti del Pnrr quindi immagino che per risistemarli i locali dovranno essere quantomeno liberi. Non ho però al momento visto progetti a riguardo, sono all'oscuro rispetto a cosa vogliono farci dopo il restauro".

Del possibile sgombero dello Zapata si discute da diversi anni. A proporlo era stato nel 2019 l'allora assessore alla sicurezza Stefano Garassino.

"Evidenziamo la nostra preoccupazione perché da una parte riteniamo importanti i processi di riqualificazione ma non vorremmo che questo iter portasse alla sparizione di una realtà sociale come quella dello Zapata, inserita nella storia di quel quartiere e che in questi anni ha sviluppato forti sinergie a tutela della socialità della zona - commentano in una nota i rappresentanti di Linea Convisa -. Il Centro sociale Zapata è stato in questi anni un punto di riferimento per moltissimi giovani e non solo. Vogliamo dunque chiarezza sul suo futuro perché riteniamo fondamentale la salvaguardia di una realtà sociale, culturale e associativa che caratterizza l’identità di quel territorio.

Sarebbe ottuso da parte del Comune negare l’esistenza di tutto questo senza trovare una soluzione, come ancora più ottuso sarebbe disintegrare il positivo fermento culturale e sociale che è stato creato in questi anni".

Francesco Li Noce


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium