/ Attualità

Attualità | 05 gennaio 2023, 10:44

Quando a Genova si festeggiava la Befana del cantuné

Un’usanza non più in voga voleva che il giorno dell’Epifania si lasciassero omaggi di vario tipo ai vigili urbani impegnati a sorvegliare le strade e a regolare il traffico

Quando a Genova si festeggiava la Befana del cantuné

Oggi è un’usanza sconosciuta ai più, ma il giorno dell’Epifania era tipico lasciare omaggi ai Vigili Urbani ai piedi delle postazioni da cui regolavano il traffico.

I “cantuné”, i sorveglianti dei “cantoni”, gli angoli delle strade, svolgevano i loro compiti stando in piedi sulle loro “botti”, delle pedane circolari.

Un lavoro che non conosceva soste: sotto la pioggia battente o scaldati dal sole agostano, i Vigili Urbani, imperterriti, lavoravano per far funzionare la viabilità ed evitare caos nelle strade.

In occasione dell’Epifania i cittadini riconoscevano il loro impegno lasciando ai piedi delle botti bottiglie di vino, cibo di vario tipo e diversi doni.

L’usanza è rimasta in voga fino agli anni ’60 quando l’avvento dei semafori ha radicalmente cambiato il modo di andar per strada.

Tra i tanti immortalati a Genova a lasciar doni ai cantunè, anche Fausto Coppi, in uno dei suoi tanti passaggi in città.

Isabella Rizzitano

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium