/ Attualità

Attualità | 06 giugno 2023, 16:34

Pulli di taccole e piccioni murati vivi in una proprietà di Autostrade, salvi grazie all'Oipa

I nidi erano stati chiusi dagli operai che avevo sistemato delle reti in un'operazione di messa in sicurezza

Pulli di taccole e piccioni murati vivi in una proprietà di Autostrade, salvi grazie all'Oipa

Sono stati salvati dall'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) i pulli di taccole e piccioni murati in un muraglione di Autostrade per l'Italia.

E' successo a Bolzaneto.

I volatili, in piena stagione di nidificazione, avevano nidificato all'interno di alcune fessure del muraglione e gli operai impegnati in alcuni interventi di messa in sicurezza, avevano chiuso le feritoie con alcune griglie murando vivi, di fatto, alcuni piccoli.

«Gli operai avevano chiuso con delle reti le nicchie che servono a far drenare l'acqua in caso di forti piogge ma che sono anche usate da colombi e taccole per nidificare», spiega Giuliana Luppi, coordinatrice delle guardie zooofile Oipa di Genova e provincia. «Già il 30 maggio abbiamo fatto aprire uno dei nidi dove si vedeva un adulto di piccione che cercava di aggrapparsi disperatamente alla griglia».

La sera dello stesso giorno le guardie Oipa sono tornate con i vigili del fuoco per fare aprire le nicchie dietro le quali erano rimasti intrappolati alcuni pulli. E così sono stati liberati altri cinque nidi di taccole e piccioni. «In questi nidi vi erano piccoli e uova», continua Giuliana Luppi. «Sia i pulli sia le uova sono stati presi in carico dal Centro recupero animali selvatici di Campomorone».

Nei giorni seguenti l’associazione è dovuta di nuovo intervenire per fare aprire altri nidi chiusi successivamente. I responsabili di Autostrade per l’Italia, sempre su istanza delle guardie zoofile Oipa, hanno infine deciso di aprire tutte le griglie ancora chiuse.

«Ci è stato detto da dalla società che sarebbe stato chiesto lo sbancamento dell’intero muro di cinta che ospita i nidi, per “motivi d’incolumità pubblica” e, in ultima ipotesi, di fare intervenire l’Asl veterinaria per rimuovere o uccidere i volatili, qualora si attestasse che sono affetti da qualche patologia», spiega ancora la coordinatrice.

L’Oipa ha dunque presentato alla Procura della Repubblica di Genova un’informativa con le notizie di reato per le gravi sofferenze provocate agli animali ai sensi dell’articolo 544 ter del Codice penale, per inosservanza del Regolamento comunale sulla tutela che protegge le nidificazioni, per inottemperanze nei permessi d’inizio lavori e per la violazione della legge n. 157/92 che vieta la rimozione di uova in nidificazione.

Le guardie dell'associazione ricordano come sin da febbraio le nicchie erano stati chiuse con tavole di legno e schiuma poliuretanica dalla società Autostrade e dalla polizia locale, materiali rimossi dopo le proteste dei residenti e cittadini.

Per contattare il Nucleo delle guardie zoofile Oipa di Genova scrivere un’email guardiegenova@oipa.org o andare al sito https://www.guardiezoofile.info/genova e compilare il modulo di segnalazione online.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium