/ Innovazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Innovazione | martedì 04 dicembre 2018, 08:00

"Twin": l'esoscheletro smontabile di IIT renderà i disabili autonomi

Dopo Hannes, la mano bionica, ecco uscire dal Rehab Tecnologies Lab di IIT Twin, il primo esoscheletro smontabile. A spiegarci come funziona, il ricercatore Matteo Laffranchi (VIDEO)

"Twin": l'esoscheletro smontabile di IIT renderà i disabili autonomi

Dalla mano bionica all'esoscheletro smontabile il passo è breve. Anche perché provengono entrambi dall'Istituto Italiano di Tecnologia. Pochi giorni fa abbiamo annunciato, infatti, che Hannes, la protesi bionica del Rehab Technologies Lab di Iit e del Centro Portesi Inail di Budrio, ha vinto il Premio per l'innovazione ADI Design Index 2018, e adesso presentiamo il primo esoscheletro completamente smontabile e trasportabile.

Si chiama Twin (“gemello”) e ha l’obiettivo di diventare un dispositivo personale che consente a pazienti mielolesi di deambulare autonomamente, grazie a una progettazione e un design che ne enfatizzano la facilità d’uso, l’indossabilità, e la trasportabilità.

Se prima, infatti, un ostacolo era costituito dalla difficoltà di poter trasportare e indossare da senza l’aiuto di nessuno il dispositivo, con Twin ogni parte diventa facilmente smontabile e ricomponibile. Questo è estremamente importante per i pazienti, in quanto significa poter riavere l’autonomia perduta.

La batteria di Twin ha una duratura di 4 ore, il che significa che chi indossa l’esoscheletro può alternare alla carrozzina la camminata.

Il dispositivo, che è in fase di sviluppo, ha come target principale l’utilizzo su pazienti paraplegici, tuttavia, sono in corso adattamenti alla macchina che ne permetteranno l’utilizzo in applicazioni riabilitative su pazienti neurologici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Medea Garrone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore